Anche quest’anno, come già accaduto in passato, il 26 dicembre sarà interessato dalle gare della Serie A di basket, manifestazione che, nelle ultime dieci stagioni, ha (quasi) sempre avuto un occhio di riguardo per il giorno di Santo Stefano.

Tolte le stagioni 2012/13 e 2016/17 infatti, questa giornata ha sempre visto disputarsi almeno una gara del massimo campionato nazionale, una tradizione che si rinverdirà con forza nella stagione corrente spalmando un intero turno nel pomeriggio e nella serata di lunedì prossimo.

Dopo aver assistito quindi a un solo match sia l’anno scorso che nel 2020, quest’anno tutte le partite del dodicesimo turno avranno luogo il 26 dicembre: ciò non accadeva dal 2014/15 quando, per la seconda annata consecutiva, si opzionò questo giorno per mettere in scena tutta la dodicesima giornata.

Nel complesso, nelle ultime dieci stagioni, sono 35 in tutto gli incontri disputati il giorno dopo Natale: a detenere il maggior numero di presenze sul parquet (tra le squadre attualmente attive in Serie A) sono l’Happy Casa Brindisi e Carpegna Prosciutto Pesaro (entrambe a quota 6), mentre Germani Brescia e Pallacanestro Trieste occupano la coda di questa particolare graduatoria con 2 soli incontri giocati.

Il 26 dicembre invece non sono mai state impegnate sui palcoscenici della massima serie Tortona, Scafati, Treviso, Napoli e Verona, squadre che lunedì dunque faranno il loro esordio assoluto in una giornata dove un particolare occhio di riguardo bisognerà averlo per Umana Reyer Venezia e EA7 Emporio Armani Milano, le due formazioni in Serie A a vantare, dal 2012 a oggi, il maggior numero di successi (4 a testa) e il miglior record (4-1 gli orogranata, addirittura 4-0 i campioni d’Italia in carica) il 26 dicembre.

Per migliorare ancora il proprio score, ambedue saranno chiamate a dare il meglio di sé contro compagini insidiose che, circoscrivendo il discorso alle gare di Santo Stefano degli ultimi dieci anni, presentano un bilancio in perfetta parità e, soprattutto, hanno già dato vita in passato a prestazioni di rilievo: Openjobmetis Varese (2 vinte e 2 perse) e Banco di Sardegna Sassari.

Quest’ultimo in particolare, oltre ad avere lo stesso record dei lombardi, ha in mano anche il primato di gare (2 sulle 4 totali) concluse con 100 o più punti segnati il 26 dicembre. Fra queste, particolarmente memorabile è l’incontro vinto 117-113 dalla Dinamo dopo due tempi supplementari il 26/12/2014 proprio sul campo di Varese, occasione in cui i biancoblu Edgar Sosa (40 punti) e Jerome Dyson (30) hanno siglato rispettivamente la prima e la quinta miglior performance individuale in una gara del 26 dicembre degli ultimi dieci anni.

Come loro, in questa giornata, solo Keydren Clark nel 2013 e il duo Alessandro Gentile-Darius Johnson Odom nel 2017 sono riusciti a toccare o sconfinare sopra quota 30 punti segnati a Santo Stefano, un traguardo questo che il primo ha tagliato siglando 34 punti nel successo 98-89 di Varese sulla Virtus Bologna e che il secondo e il terzo invece hanno raggiunto realizzando 32 punti in Varese-Virtus (85-90 il risultato finale) e 31 punti in Cremona-Brindisi (92-83).

Dopo di loro, nessuno è più riuscito a mettere assieme simili prestazioni individuali (il più vicino successivamente è stato Peyton Aldridge, autore di 29 punti nell’Happy Casa Brindisi-Vanoli Cremona del 26/12/18) per cui, in virtù di ciò, sarà interessante vedere se qualcuno dei protagonisti impegnati in campo lunedì riuscirà in questa difficile impresa incendiando una giornata in cui, nonostante il clima di festa, non mancheranno sicuramente agonismo e combattività.

Fonte: legabasket.it