Con le 8 partite della West e East Region si completa il Second Round della March Madness. Decise le 16 squadre che il prossimo weekend lotteranno per un posto alle Final Eight.

 

WEST REGION

Oklahoma le prova tutte, ma contro questa Gonzaga sembra ci sia poco da fare. Grande solidità difensiva e un attacco inarrestabile, gli Zags rimangono imbattuti in stagione e fanno davvero paura. Super partita per il “baffo magico” Drew Timme, totalmente infermabile con 30 punti e 13 rimbalzi. Per i Sooners, losing effort per Austin Reaves con 27 punti e 11/17 dal campo. Creighton, senza particolari problemi, batte la sorpresa Ohio e passa il turno. 20 punti per Zegarowski e 15 punti per Jefferson nelle file di Creighton. I Bluejays proverranno l’impresa contro la corrazzata Gonzaga alle Sweet 16.

Oklahoma (8) – Gonzaga (1) 71-87

Ohio (13) – Creighton (5) 58-72

Oregon (7) – Iowa (2)

Un’ altra possibile candidata alla vittoria del torneo esce clamorosamente al Second Round! Oregon domina nel secondo tempo e spedisce Iowa a casa! Prima frazione con percentuali alte e difese decisamente ballerine. Oregon gioca la propria pallacanestro ad alto ritmo e trova spesso il fondo della retina con il trio Figueroa-Richardson- Duarte, Iowa tiene il passo grazie ad un incontenibile Luka Garza. Il centro degli Hawkeyes realizza in qualsiasi maniera: da post basso, dal mid range e da tre punti. I Ducks prendono ancora più ritmo sul finale di tempo e con le bombe di uno scatenato Figueroa (21 punti) piazzano un parziale di 10-0. Si va all’intervallo sul 56-46. Nella ripresa, dagli spogliatoi di Iowa sembra essere uscito solo Luke Garza, che continua a fatturare dentro l’area. Oregon aumenta i giri in attacco e Iowa non riesce a più a contenere i Ducks nella metacampo difensiva. La coppia Richardson-Duarte continua a bombardare dalla lunga distanza e l’atletico Omuruy banchetta nell’area degli Hawkeyes, nei primi dieci minuti Oregon spazza via Iowa e tocca il massimo vantaggio sul +20. Gli ultimi minuti si trasformano in uno spettacolo sopra ferro per i Ducks che bucano la difesa avversaria con grande facilità, l’ultimo a mollare è Luka Garza che continua a trovare la via del canestro. Per il centro degli Hawkeyes alla fine saranno 36 punti e 9 rimbalzi mentre manca totalmente l’apporto alla partita, in particolare nella fase difensiva, dei suoi compagni. Oregon passa il turno e per l’ennesima volta in questa March Madness si compie un upset. Brutta partita per Iowa, che ha non ha saputo gestire il ritmo della gara e non ha trovato nessuna soluzione offensiva differente al meraviglioso Luka Garza.

USC (6) – Kansas (3) 85-51

USC asfalta la numero 3 Kansas e vola alle Sweet 16! Guidati dai fratelli Mobley, fin dall’avvio i Trojans impongono il proprio ritmo e costringono Kansas ad inseguire e a tirare con percentuali basse. Si entra negli ultimi 5 minuti del primo tempo sul risultato di 27-19 per USC, da quel momento in poi l’ateneo californiano prende in mano la partita e coi canestri di Mobley e Anderson piazza un parziale di 13-2, fissando il punteggio sul 40-21 all’intervallo. Nella ripresa la musica non cambia, USC dà spettacolo mentre i Jayhawks continuano a tirare con percentuali da brividi (29,5 % dal campo nella partita). Kansas prova a reagire e si riporta sotto di 16 lunghezze ma i Trojans non si spaventano e continuano a trovare il fondo della retina con Mobley (17 punti) e Eaddy. Nel finale Usc dilaga e porta il passivo sopra i 30 punti. Usc troverà alle Sweet 16 Oregon.

Le sfide alle Sweet 16 :

Gonzaga (1) – Creighton (5)

USC (6) – Oregon (7)

EAST REGION

Con un secondo tempo spettacolare Alabama passa contro Maryland grazie ai 21 di Shackleford e ai 20 di John Petty. Losing effort per Wiggins di Maryland, autore di 27 punti. Finisce l’avventura della “Cinderella” Abilene Christian che viene schiacciata dall’ottima difesa di UCLA. Per i Bruins il migliore è Juzang con 17 punti

Maryland (10) – Alabama (2) 77-96

Abilene Christian (14) – UCLA (11) 47-67

LSU (8) – Michigan (1)

I Wolverines faticano, ma al termine di una bellissima partita riescono a superare LSU e accedono alle Sweet 16! Gara molto divertente con LSU che entra subito in partita, il piano di coach Will Wade è chiaro: zone press a tutto campo e tiri in transizione/semi transizione. La sua LSU gioca una pallacanestro molto frizzante e un incontenibile Cameron Thomas, 19 punti nel primo tempo, mette in constante difficoltà la difesa dei Wolverines. Coach Juwan Howard non trova risposte da Franz Wagner e Dickinson che vengono cancellati dalla zona dei Tigers, a tenere su Michigan ci pensa capitan Eli Brooks che con le sue triple contro la zona permette ai Wolverines di allargare il campo. Situazione che rimane in equilibrio anche nel secondo tempo, LSU grazie ai canestri di Javonte Smart mette la testa avanti ma Michigan non ci sta e trascinata dall’ uomo che non ti aspetti , Chaundee Brown, piazza un parziale di 10-0. Negli ultimi 10 minuti Michigan alza decisamente l’intensità difensiva e l’attacco di LSU si blocca, con la coppia Smart-Thomas che non riesce più a trovare la via del canestro. Michigan scappa con punti 8 punti in due minuti di Franz Wagner, che sigillano la partita sul +10. Prestazione da grande squadra per i Wolverines, che nonostante l’assenza di Isiah Livers, riescono a vincere una partita molto insidiosa. Grande lavoro per Juwan Howard e il suo staff. Non bastano ai Tigers i 31 punti di Thomas e i 27 punti di Javonte Smart, LSU lascia il torneo ma lo fa comunque a testa alta, sapendo di aver giocato una grande partita. Michigan affronterà Florida State, in una sfida di altissimo livello.

Colorado (5) – Florida State (4) 53-71

Florida St. batte Colorado grazie ad un secondo tempo praticamente perfetto e si lancia verso le Sweet 16! Primo tempo a punteggio basso, grande fisicità in campo e difese che hanno decisamente la meglio. Nella ripresa i Semioles asfaltano Colorado, la zona dei Buffaloes viene battuta con grande facilità e Florida St. trova punti facili vicino a canestro. Colorado prova a rimanere in partita ma due bombe consecutive di Polite chiudono la pratica a 5 minuti dalla fine. Grande partita per Polite, autore di 22 punti con 8/12 dal campo. Florida St. dimostra di essere una super squadra in grado di compattarsi nei momenti decisivi oltre che di poter contare su numerose opzioni offensive. Colorado dopo l’exploit contro Georgetown, torna a casa al second Round.

Le Sweet 16:

Michigan (1) – Florida State (4)

Alabama (2) – UCLA (11)

PER IL TABELLONE COMPLETO CLICCA QUI.