L’Olimpia è tornata a Milano reduce da quattro trasferte consecutive tra campionato ed EuroLeague in cui la miglior prova è stata la prima, a Bologna, poi sono seguite tre battute d’arresto consecutive, l’ultima a Berlino martedì scorso. In aggiunta a questo, si è infortunato Tommaso Baldasso (operato alla mano destra infortunata a Napoli), al secondo stop stagionale. Quindi l’elenco degli assenti forzati è salito a quattro. L’Olimpia ha vinto le ultime due gare giocate in casa, con Monaco e Valencia, e affronta una formazione che ha costruito la sua classifica (10-8) sulla protezione del fattore campo (7-2). Per intederci lo Zalgiris in trasferta ha vinto una gara in meno dell’Olimpia ma in classifica è molto più avanti. La squadra lituana completa a Milano una settimana tutta italiana in cui ha vinto a Bologna con una grande prova di Igna Brazdeikis. Ha anche sostituito due infortunati, Keenan Evans e Tyler Cavanuagh, con Isaiah Taylor e Achille Polonara. Il playmaker proveniente dall’Efes ha giocato subito molto bene.

NOTE – EA7 Emporio Armani Milano-Zalgiris Kaunas si gioca venerdì 13 gennaio gennaio alle 20:30 al Mediolanum Forum. Clicca qui per i biglietti.

GLI ARBITRI – Sreten Radovic (Croaia), Robert Vyklicky (Repubblica Ceca), Carlos Cortes (Spagna).

COACH ETTORE MESSINA – “Affrontiamo una squadra che sta giocando bene, ha orgoglio e morale alto dopo la vittoria di Bologna. Noi abbiamo bisogno di ritrovare fiducia, dimenticare le ultime uscite, ed esprimerci il più vicino possibile ai livelli espressi fino ad una settimana fa, soprattutto giocando davanti ai nostri tifosi che non hanno mai mancato di sostenere la squadra. Dovremo essere abbastanza bravi da meritarci il loro supporto, cominciando dalle cose semplici, come limitare le palle perse, controllare i rimbalzi, essere continui nel rendimento”.

ZALGIRIS KAUNAS – La squadra lituana ha dovuto cambiare aspetto nell’ultima settimana a causa dell’infortunio capitato a Keenan Evans, playmaker e giocatore con i numeri migliori fino adesso, la cui stagione si è chiusa anzitempo a causa della rottura del tendine d’Achille. Evans è stato sostituito prontamente con Isaiah Taylor, playmaker di 29 anni, 1.91 di statura, che aveva cominciato la stagione all’Efes. Sempre dall’Efes è arrivato Achille Polonara (2.8 punti e 2.2 rimbalzi di media in EuroLeague) per compensare l’infortunio di Tyler Cavanaugh. Ambedue hanno già debuttato a Bologna. In regia, lo Zalgiris può contare su Lukas Lekavicius (5.9 punti di media), Ignas Brazdeikis, cresciuto nel Nord America, che ha avuto una carriera importante a Michigan ed è stato anche nella NBA, è la guardia titolare (10.1 punti per partita). Edgaras Ulanovas gioca all’ala piccola e produce 11.2 punti di media, ha il 37.5% da tre e cattura anche 5.2 rimbalzi a partita, mentre l’estone Rolands Smits (9.2 punti e 5.6 rimbalzi di media) è lo starter nel ruolo di ala forte. Il centro normalmente è Kevarrius Hayes, giocatore di energia da 5.5 punti e 4.6 rimbalzi a partita. Dalla panchina, a parte Taylor e Polonara, hanno un ruolo importante la guardia Tomas Dimsa, capace di notevoli esplosioni balistiche (ha il 45.2% da tre per 6.2 punti di media), e il centro Arnas Butkevicius che contribuisce con 4.5 punti e 3.5 rimbalzi di media.

I PRECEDENTI VS. ZALGIRIS – Le due squadre si sono incontrate 22 volte con un bilancio di 11-11, 9-8 a favore dello Zalgiris nell’era EuroLeague. Nella stagione 1985/86, lo Zalgiris di Arvydas Sabonis vinse 80-79 contro l’Olimpia a Kaunas, ma Milano si rifece in casa vincendo 95-66. La stagione successiva, quando l’Olimpia avrebbe vinto la prima delle due Coppe dei Campioni consecutive, si impose sullo Zalgiris due volte su due, 75-71 in casa, 100-85 a Kaunas. Lo Zalgiris invece vinse la finale di Saporta Cup del 1998 (82-67). L’Olimpia ha vinto quattro scontri diretti tra le due squadre, prima di soccombere però quest’anno nella partita di andata a Kaunas, 71-62 con 23 punti di Keenan Evans e nonostante i 19 di Naz Mitrou-Long.

LA ZALGIRIS CONNECTION  Mantas Kalnietis, campione d’Italia con l’Olimpia nel 2016 (anche due vittorie in Coppa Italia), ha giocato nell’Olimpia 40 partite con 278 punti segnati. Kevin Pangos ha giocato due anni nello Zalgiris inclusa una Final Four di EuroLeague: in tutto, ha giocato 66 partite con 716 punti segnati e 308 assist distribuiti. Brandon Davies ha giocato 70 partite nello Zalgiris con 818 punti segnati e 307 rimbalzi catturati. Anche lui ha giocato una Final Four con lo Zalgiris. Rolands Smits ha giocato nel Barcellona con Pangos e Davies.

GAME NOTES –Nicolò Melli è partito in quintetto in tutte le 18 partite dell’Olimpia (sono 11 in totale i giocatori sempre partiti in quintetto) e in tutte le ultime 50 gare di Milano in cui è stato presente. Melli con 1279 rimbalzi in carriera è adesso 11° di sempre: l’ingresso nella Top 10 è distante otto rimbalzi (Mirsad Turkcan con 1.287). Si trova anche a otto punti di distanza dagli 800 segnati con la maglia dell’Olimpia. Billy Baron ha segnato 17.2 punti per gara nelle sei vittorie dell’Olimpia. Kyle Hines è a tre stoppate di distanza dalle 300 in carriera. Da quando è a Milano in EuroLeague ha giocato 94 gare su 94.

NICOLO’ MELLI
DESHAUN THOMAS
DEVON HALL
Fonte: olimpiamilano.com