Intervistato da Fabrizio Fabbri sul “Corriere dello Sport”, Paolo Galbiati ha parlato del suo ruolo da assistente allenatore di lusso di coach Matt Brase: “Con il coach c’è un ottimo rapporto. Lui ha una mentalità americana nella gestione dello staff tecnico e a me sono affidati dei compiti specifici. Ad esempio, la preparazione della partita è una competenza delegatami. Diciamo che abbiamo iniziato da subito a confrontare e miscelare i diversi modi di intendere la pallacanestro. Negli Usa nella prima parte di stagione di tattica se ne fa poca. Da noi non è così e questo è stato un contributo che ho dato. Offensivamente Matt sta portando nella nostra serie A delle novità che si vedono sul campo. Non c’è rischio che i ragazzi si confondano: lui è il capo e io il vice. Ma ho spazi per dare consigli, chiamare situazioni diverse. Siamo agevolati dall’allenare un gruppo eccezionale”.

Fonte: legabasket.it