Si è completata la 32ma giornata di Liga Endesa dopo i due anticipi della scorsa settimana; a ribollire è ancora la lotta salvezza, con ben 6 squadre ancora invischiate a due gare dalla fine.

 

MORABANC ANDORRA – URBAS FUENLABRADA 92-84

Trionfa e spera Andorra che s’impone a Fuenlabrada in una gara drammatica.

Spettacolare Codi Miller-McIntyre con 25 punti e 9 rimbalzi a guidare la riscossa dei pirenaici che affondano nel primo tempo una Fuenlabrada che, ora, vede l’abisso.

I madrileni provano a rientrare nel secondo tempo, monumentale la prestazione di Ristic con 21 punti e 9 rimbalzi a referto, ma riescono soltanto a preservare la differenza canestri favorevole.

 

BITCI BASKONIA – CASADEMONT ZARAGOZA 91-59

Fontecchio ci prende gusto, il Baskonia va. Determinanti i 19 punti, 6 rimbalzi e 4 assist dell’azzurro per ottenere una vittoria che vale il sesto posto e ricaccia Zaragoza nella lotta per evitare la retrocessione.

Gara di grande qualità di tutto il roster di Spahjia che chiude la contesa già all’intervallo lungo; gli ospiti fanno da meri sparring partners, con il solo Kilpatrick (11) a cercare di scuotere i suoi, senza successo.

Match senza storia.

 

RÍO BREOGÁN – BARCELLONA 72-74

Il Barça rimonta dal -22 e si assicura il primo posto in Regular Season grazie ad un secondo tempo in cui concede soltanto 24 punti ad un Breogán che ha comunque il merito di giocarsela fino in fondo, nonostante l’assenza di Musa e Bell-Haynes.

I padroni di casa, nonostante tutto, hanno anche il pallone della vittoria nelle mani di Kalinoski, ma il ferro gli dice di no.

Jasikevicius, che lascia a riposo Mirotic, ritrova Cory Higgins e questi gli regala subito il canestro del sorpasso a 44” dal termine. Per l’ex CSKA 8 punti, ma la solita sensazione che la palla, quando scotta, deve passare sempre da lui.

A Breogán non bastano 3 uomini in doppia cifra (I due Quintela e Mahalbasic a quota 11), miglior realizzatore blaugrana Abrines con 12 punti e 3/4 da 3.

 

UCAM MURCIA – JOVENTUT BADALONA 71-83

Vittoria e terzo posto per Badalona grazie ad una prestazione superba di Ante Tomic. Il pivot croato è assoluto protagonista del decisivo quarto periodo, oltre a fatturare 27 punti e 6 rimbalzi, 4 dei quali catturati sotto il canestro avversario.

Murcia, uscita nuovamente dalle prime otto della classifica, resta a lungo in gara grazie anche ai 21 punti di Davis, ma accusa un crollo nei 10’ decisivi che vale un parziale di 8-20 che spezza definitivamente gli equilibri.

 

GRAN CANARIA – VALENCIA 89-83

La resistenza di Gran Canaria vale il rientro in zona playoff.

Gli uomini di Fisac, reduci dall’eliminazione in EuroCup contro ogni pronostico, costruiscono il proprio successo nel terzo quarto, trascinati dai 29 punti di Shurna, letale nelle frazioni dispari, ma anche dal revulsivo Khalifa Diop, autore di 13 punti in 10’, che si appropria del pitturato.

Valencia ha il merito di non arrendersi, specialmente grazie ad Hanlan (16) che mette in difficoltà i canarini con la propria versatilità.

Per lunghi tratti di gara i taronja restano aggrappati alle percentuali del tiro pesante che rendono possibile la rimonta nel finale; tuttavia la stanchezza presenta il conto.

 

HEREDA SP BURGOS – UNICAJA MÁLAGA 89-74

Luce in fondo al tunnel? Ci sono ancora due partite per capirlo.

Burgos strappa nei quarti centrali e trova una vittoria che vale platino nella lotta per scampare all’inferno LEB Oro.

Con l’ex Sassari Anthony Clemmons (18) sugli scudi, gli uomini di Paco Olmos hanno ragione di un’Unicaja che non ha più nulla da chiedere al campionato, se non qualche ambizione individuale per un rinnovo o per attrarre l’attenzione in altri lidi.

Da segnalare, tra gli andalusi, solo i 22 punti di Alex Bouteille.

 

MONBUS OBRADOIRO – REAL MADRID 88-89

Due decimi.

Tanto manca al suono dell’ultima sirena quando il pallone lanciato da Abalde si avvolge, beffardo, nella retina dell’Obradoiro, ricacciandolo nell’incubo di doversi sudare la salvezza fino all’ultimo istante.

Il Real soffre per certificare il secondo posto in regular season contro un Obradoiro che meriterebbe sicuramente miglior fortuna.

Oltre ad Abalde, eroe merengue per una sera, il Real si appoggia sull’eterno Sergio Llull, autore di 21 punti e 5 assist con 3/5 da 3, e Poirier, a referto con 12 punti ed 8 rimbalzi, 5 dei quali offensivi.

Ai galiziani non basta la prestazione di Robertson (12+8ass), nè quella di Hobbs (17).

 

MVP: John Shurna (Gran Canaria)

Battere una Valencia ferita non era cosa facile, non era cosa da tutti. Se poi segni 29 punti, facendo la tua parte nei due scossoni che spezzano l’equilibrio della gara, gran parte dei meriti del successo non possono che andare a te.

 

RISULTATI 32ma Giornata

SURNE BILBAO – LENOVO TENERIFE 87-79 (giocata il 27/04)
BAXI MANRESA – COOSUR BETIS 96-102 (giocata il 27/04)

MORABANC ANDORRA – URBAS FUENLABRADA 92-84
BITCI BASKONIA – CASADEMONT ZARAFOZA 91-59
RÍO BREOGÁN – BARCELLONA 72-74
UCAM MURCIA – JOVENTUT BADALONA 71-83
GRAN CANARIA – VALENCIA BASKET 89-83
HEREDA SP BURGOS – UNICAJA MÁLAGA 89-74
MONBUS OBRADOIRO – REAL MADRID 88-89

 

CLASSIFICA

BARCELLONA 25-7
REAL MADRID 23-9
JOVENTUT BADALONA 21-11
VALENCIA BASKET 21-11
LENOVO TENERIFE 20-12
BITCI BASKONIA 19-13
BAXI MANRESA 19-13
GRAN CANARIA 17-15
UCAM MURCIA 16-16
SURNE BILBAO 16-16
RÍO BREOGÁN 15-17
UNICAJA MÁLAGA 13-19
CASADEMONT ZARAGOZA 11-21
MONBUS OBRADOIRO 11-21
COOSUR BETIS 11-21
HEREDA SP BURGOS 10-22
MORABANC ANDORRA 10-22
URBAS FUENLABRADA 10-22

Elio De Falco