Tempo di derby dell’amicizia al Paladozza di piazza Azzarita tra Fortitudo Bologna e Sella Cento. Gli ospiti durano un tempo, poi la superiorità difensiva dei padroni di casa permette di allungare non lasciando scampo agli avversari e facendo 8-0 in campionato continuando un incredibile striscia, nonostante l’assenza del leader realizzativo Pietro Aradori. Sontuose le prove di Ogden, Freeman e Fantinelli mentre non bastano per gli ospiti i 17 di Archie e i 14 di Sabin.

Continua imperterrita e inarrestabile la marcia di Caja e adepti che non pagano l’assenza di Aradori, battono con autorità gli amici Centesi e restano imbattuti facendo 8 consecutive. Gode quindi il pubblico biancoblu che vede in Ogden, Freeman, Fantinelli e compagni quella voglia di sbattersi e sbucciarsi le ginocchia che in casa Fortitudo mancava da tanto, ci si aggiunge poi un gran bel gioco da permettere un godurioso strabuzzamento oculare. Enormi le prove di Fantinelli e Bolpin, entrambi in doppia doppia, supportati dai 20 di Ogden e i 19 di Freeman. Da evidenziare anche la super prova del debuttante Taflaj. Ecco, unico asterisco, considerando le 72 ore di riposo prima della trasferta Udinese, a partita ormai decisa, qualche minutino di riposo ai 5 titolari sarebbe stato interessante concederlo, ma si fa pour parler.

Troppa poco invece dai ragazzi di Mecacci che dopo un buon inizio, soprattutto grazie alla buona vena di Sabin e Archie, vedono sgretolare quanto di buono fatto nel primo tempo, in un pessimo terzo periodo per percentuali e atteggiamento. 3-6 quindi in campionato e grossi passi indietro rispetto alla stagione dell’anno scorso venendo adesso risucchiata nella zona calda della classifica. Buone anche le prove di Mussini e del debuttante Ladurner.

 

La cronaca della partita:

Ritmo altissimo ad inizio match, la Fortitudo, priva di Aradori prova a correre e trovare soluzioni offensive appoggiandosi ad Ogden e Fantinelli, risponde la Sella Cento con Sabin e 16-11 padroni di casa a metà periodo. Primo timeout Mecacci dopo la tripla di Fantinelli che lo fa salire ad 8 personali. L’alley oop chiuso da Freeman manda in estasi il Paladozza che fa massimo vantaggio sul +10 Bologna. Grazie ai tiri liberi la squadra ospite resta attaccata alla partita e al primo mini riposo il punteggio dice 24-17 Flats Service.

Archie è rovente ad inizio secondo quarto, suo il parziale che riporta i suoi a -5 quando un enorme Fantinelli porta a scuola Palumbo per il 2+1 del 32-24 casalingo dopo 3 minuti, che diventa 34-24 dopo il primo canestro (al debutto) di Taflaj. A Caja però non piace la successiva difesa e spende il primo timeout della propria partita sul 34-26. La panchina tiene e questa volta è Mecacci a chiamare il timeout sul 39-28 Fortitudo quando mancano 4:13 all’intervallo. Sabin scalda la mano e piazza un parziale che in un amen fa 46-40 e timeout Caja a 36 secondi dalla fine. Freeman fa 1/2 e subisce fallo in attacco, la preghiera di Ogden non va e si va al riposo sul 47-40 Bologna. 11 per Fantinelli, 12 per Ogden, 12 per Sabin e Archie.

Inizio di terzo quarto ancora a ritmo alto, meglio la Fortitudo che con difesa e contropiede fa nuovo +11 dopo 3 minuti e primo timeout del secondo tempo per coach Mecacci. Prosegue il parziale casalingo che arriva fino al +18 sul 60-42 e Sella Cento in crisi offensiva a 3:32 dalla fine del parziale, timeout Mecacci. Ancora Bologna che arriva fino al +22 soprattutto grazie agli 8 consecutivi di Bolpin, prova a riaccorciate nel finale la squadra ospite ma al trentesimo è 70-51 Fortitudo.

È brava la Sella Cento a restare aggrappata alla partita ad inizio ultimo quarto, tornando a -14 e non lasciando nulla di intentato. Timeout Caja dopo il canestro di Ladurner che riporta gli ospiti sul 64-76. Massimo sforzo difensivo bolognese per scacciare qualche fantasma e a 4:40 dalla sirena finale è nuovo 80-64. Ogden è dominante nei minuti conclusivi e game set and match, vince Bologna  84-72 e fa 8-0 in campionato.

Matteo Cuppi

Foto Valentini Orsini