Il big match più atteso del campionato se lo aggiudica Bologna sotto gli occhi del Presidente della Lega Gandini e del doppio ex Luca Vitali. Le V nere si impongono sul parquet del Palaleonessa per 73-87 cancellando con un colpo di spugna un periodo complicato che la vedeva in difficoltà. La prestazione sopra le righe degli uomini di Banchi è certificata dalle 17 triple messe a segno che hanno steso una Germani che esce da questa sfida con molto amaro in bocca. Brescia voleva regalare al suo pubblico un’altra grande soddisfazione ma si è scoperta fragile nei suoi uomini di punta. Della Valle nullo nel primo tempo prova a darsi una scossa nella ripresa senza incidere come vorrebbe. Massinburg mette a segno il primo canestro della sua partita solo nell’ultimo quarto, Petrucelli dopo un super inizio si eclissa, Gabriel è l’ombra di se stesso, Bilan fa quello che può ma è in palese calo di rendimento nonostante la doppia doppia da 10 punti e 12 rimbalzi e alla fine la coperta si scopre corta. Esame purtroppo non superato ed ora l’unica soluzione è rinchiudersi in palestra, lavare i panni sporchi e ritrovare la verve della prima parte di stagione per poter chiudere come si deve la regular season e preparare al meglio i playoff. Dall’altra parte gongola Luca Banchi che con un Belinelli in grande spolvero (17 punti con 4/4 da tre) raggiunge Brescia al comando della classifica e può presentarsi per le ultime tre giornate di Eurolega con tutt’altro morale. Buone prove nel complesso anche di Abass, Polonara, Pajola e Lundberg che chiudono tutti in doppia cifra. Nel finale rissa sfiorata tra Burnell e Shengelia che ha lasciato qualche strascico anche al rientro negli spogliatoi. Il pubblico come sempre ringrazia ed esprime il “meglio” di se.

Cronaca:

Prima fase di gara abbastanza equilibrata con Bologna che mantiene una punta di vantaggio sugli avversari. A cavallo di metà quarto due bombe consecutive di Christon ribaltano l’inerzia della sfida concedendo il primo vantaggio bresciano sull’11-9. La Germani mantiene la testa della gara con autorevolezza rispondendo presente ad ogni tentativo di avvicinamento delle V nere. Si arriva così al termine del quarto con la Leonessa avanti per 22-20 con Petrucelli, già in doppia cifra alla voce punti a quota 10, e Bilan gigantesco a rimbalzo con 8 palloni recuperati. L’incontro resta avvincente anche ad inizio secondo quarto con Bologna che riesce anche a riportarsi avanti grazie a 3 bombe in successione di Polonara, Abass e Lundberg. La risposta di Brescia però non si fa attendere con Cournooh e Burnell che rendono i favori ai rivali di giornata (31-29). La formazione di coach Banchi non demorde e con un break di 6-0 si rimette a comandare le danze (31-35) costringendo Brescia al time-out tattico. Al rientro sul parquet è ancora Abass a punire una disattenta difesa casalinga siglando la sua terza bomba del quarto. Il parziale bolognese viene interrotto sull’11-0 da Christon che con due liberi prima e una penetrazione efficace poi, regala punti a Brescia dopo quasi 5 minuti di nulla (35-40). Il primo tempo si chiude con le V nere avanti 39-44. Il secondo tempo comincia con un gioco da 4 punti di Marco Belinelli,che proprio oggi festeggia le 38 primavere, e una tripla di Pajola che in due minuti scarsi portano il vantaggio bianconero sul +12 (39-51). Brescia riprende a segnare al termine del terzo giro d’orologio con Bilan, che con il 2/2 ai liberi di Burnell, rimettono sotto la doppia cifra il distacco da Bologna. E’ un fuoco di paglia perché il fuoriclasse di San Giovanni in Persiceto è implacabile da oltre l’arco e guida i compagni sul +15 (44-59). La Germani prova con tutte le sue forze a rimanere attaccata all’incontro e lo fa sfruttando Della Valle rimasto a digiuno per tutta la prima frazione (56-64).  Gli ultimi istanti del quarto vedono le squadre rimpinguare i loro bottini con Lundberg che allo scadere realizza la tripla del 61-73. L’ultimo quarto si apre con altre due bombe Bolognesi, la quindicesima la sedicesima della partita, che smorzano definitivamente l’entusiasmo dei padroni di casa. La partita si avvia così lentamente verso i titoli di coda con il pubblico del Palaleonessa che sul 65-84 con tre minuti ancora da giocare comincia a lasciare le tribune. Nel finale piccola rissa tra Burnell e Shengelia con quest’ultimo che viene espulso insieme al giovane Porto che era intervenuto per sedare gli animi dalla panchina. La partita si chiude con Bologna che esce trionfante col punteggio di 73-87.

Qui le statistiche dell’incontro

in foto Marco Belinelli (Ciamillo-Castoria)

Riccardo Chiorzi