Un’altra vittoria, la terza di fila, che lancia l’Openjobmetis di coach Brase. I biancorossi si impongono in trasferta 101-93 contro un’ottima Scafati, che ha dimostrato resilienza e determinazione, riuscendo quasi nell’impresa di ribaltare 13 punti di svantaggio. Varese vola, prima della sosta, a quota 8. Scafati sprofonda, resta a 2 e coach Rossi ora rischia.

Due perle di Caruso, due triple, due gemme. Diamanti puri che ridanno vita ad una Varese che nell’ultimo periodo aveva seriamente rischiato di buttare via quanto di buono fatto nei precedenti quarti. La squadra di coach Brase, dopo ormai 6 giornate, ancora non è riuscita a dare equilibrio alla conduzione della gara. Va spesso, anzi sempre avanti. Gioca un’ottima pallacanestro, ma poi si perde. Oggi, merito di un Lamb da 29 punti in 27 minuti, Scafati ha provato fino in fondo a rimontare un match che a fine terzo periodo sembrava già virtualmente chiuso.

Varese ha sofferto sotto canestro, come era prevedibile. I centimetri di Stone, Lamb e Thompson hanno nettamente sovrastato quelli di Caruso e Owens. Il 41 biancorosso ha, in più, l’aggravante di aver lasciato per 5 falli nel terzo quarto il campo e i suoi, in una situazione enormemente difficile. Sulle spalle enormi di Caruso, Varese ha ritrovato linfa vitale. Ed è incredibile che dopo 3 periodi in cui ha giocato pick&roll perfetti, la svolta sia arrivata dall’arco dei 6 e 75. Due triple, due gemme, preziose. Varese trova continuità. Scafati si rammarica, ma oggi contro questa Varese sarebbe servita un’impresa fuori dal normale.

QUI le statistiche del match

di Antonio Catalano