Nuovo appuntamento settimanale con A2 Emoticon, la rubrica di BM dedicata al secondo campionato di interesse nazionale. Senza ulteriori indugi andiamo a sviscerare il meglio e il peggio di questa sedicesima giornata e ad assegnare i premi individuali della nostra redazione.

IL MEGLIO

  • CANTÙ, NON CI DIVERTIAMO PIÙ

Seriamente, che vogliamo dire di nuovo? Assolutamente nulla. Dopo 11 vittorie consecutive, Cantù si sbarazza con prepotenza della seconda in classifica, regalando ai propri tifosi il dodicesimo sorriso. No game, o quasi, per Cremona, sotto nel punteggio dal primo all’ultimo secondo. Troppo forte la banda di Sacchetti, che non mostra alcuna pietà nei confronti del suo vecchio amore. Una vittoria massiccia in termini di importanza, sia per la classifica (+6 sulla seconda) che per il segnale lanciato agli avversari. Semplicemente inarrestabili.   

  • PISTOIA E TREVIGLIO: ATTACCO AL POTERE

Quarta vittoria consecutiva per Pistoia, che nel big match del girone rosso schianta l’Unieuro Forlì e le strappa la vetta. Ennesimo capolavoro difensivo firmato coach Brienza, capace di tenere a 62 punti una squadra che nelle precedenti cinque uscite viaggiava a 87 di media. Vittoria importante, soprattutto perché vale il primo posto in solitaria. Se il momento di forma di Pistoia è brillante, quello di Treviglio è strepitoso. La squadra di Finelli vince a Latina, trascinata da un Marco Giuri da 24 punti. Quinto successo filato e secondo posto in classifica, approfittando della sconfitta di Cremona a Cantù. Ah, 9 vittorie in 10 partite da quando Finelli è subentrato al timone di guida. Passo e chiudo.

  •   IL TORO C’È

Bella vittoria di Torino in quel di Piacenza, contro una squadra che non perdeva da cinque giornate. Altra strepitosa prestazione di Simone Pepe (23 punti e 31 di valutazione), che con la bomba decisiva regala ai suoi un successo che vale il quarto posto in classifica. Un quarto posto che potrebbe essere il secondo (a pari merito), se non fosse per i tre punti di penalizzazione inflitti prima dell’inizio del campionato. Se il primo posto appare saldamente nelle mani di Cantù, per il secondo c’è invece una bella lotta. E Torino vi è ampiamente dentro.

  • VIENI A BALLARE IN PUGLIA

Piccola (e insignificante) curiosità statistica sulla Fortitudo Bologna. Con la vittoria su San Severo la squadra di Dalmonte ha completato lo sweep contro le formazioni pugliesi. Quattro partite e quattro vittorie, tra cui le uniche due esterne collezionate finora nel disastroso cammino lontano dal Paladozza. Ma la vera notizia, sciocchezze a parte, è sicuramente che, per la prima volta in stagione, Steven Davis ha fatto l’americano. Domenica il #44 biancoblù si è letteralmente svuotato la manica di tutti i suoi assi per evitare un taglio che sembrava ormai certo. Doppia doppia da 19 punti e 10 rimbalzi, con in mezzo anche qualche giocata di grande fattura. 

IL PEGGIO

  • FINE DELLA CORSA

Dopo (rispettivamente) sette e sei vittorie consecutive, Forlì e Cento hanno interrotto la loro marcia trionfale. La squadra di Martino è uscita un po’ malconcia dal PalaCarrara, dove Pistoia le ha concesso soltanto 62 punti. Un bel passo indietro per chi, nelle ultime cinque, viaggiava a quasi 90 punti di media a partita. Fisiologico un calo dopo tante vittorie consecutive, anche se la sconfitta toscana costa il sorpasso in classifica da parte dei padroni di casa. Stessa sorte per la Tramec Cento, che abbandona la via della vittoria alla fine della Via Emilia. A Rimini non basta un Marks da 28 punti, i romagnoli vincono e rispediscono gli emiliani al terzo posto in classifica.

  • CREMONA, CHE BOTTA!

Brutta sconfitta quella rimediata da Cremona nel derby lombardo con Cantù. La Vanoli era chiamata all’impresa per riaprire il campionato, ne esce invece con una prestazione magrissima (solo 58 punti segnati) che costa alla squadra di Cavina anche il secondo posto. Un solo uomo in doppia cifra (Cannon, 12) e 14 secondi in vantaggio in tutta la serata sono gli ingredienti sufficienti per apparecchiare in tavola una cocente sconfitta. Unica nota positiva della serata è il vantaggio mantenuto nello scontro diretto (in occasione della gara di andata la Vanoli aveva vinto di 11 punti), anche se potrebbe servire a poco, visto il ritmo di Cantù.

  • SAN SEVERO SPROFONDA

Sconfitta netta, anzi nettissima, quella in cui incappa San Severo al Paladozza. La Cestistica ci crede e arriva a Bologna accompagnata dal solito instancabile tifo. Niente da fare, Piazza Azzarita si rivela un campo troppo ostico per tutti, o quasi. Certo, nessuno pretende dalla formazione pugliese di vincere questo genere di partite, ma fatto sta che prima o poi sarebbe meglio interrompere una striscia negativa che dura ormai da quattro giornate. Adesso la classifica recita terzultimo posto a pari merito, e un’esigenza quasi vitale di guardarsi le spalle.

L’UNDER 22 DI GIORNATA, QUINN ELLIS

Altro giro, altra partitona per Quinn Ellis. Il playmaker classe 2003 di origine britannica sta disputando una grandissima stagione, viaggiando a cifre decisamente insolite per i suoi connazionali (perlomeno italiani). Nel weekend è arrivato un nuovo ritocco al suo season-high sia in termini di punti (21) che di valutazione (29). Il gioiellino di proprietà di Trento sta conquistando un minutaggio sempre crescente e i suoi 31 minuti di media in campo sono la testimonianza di quanto coach Valentini creda in lui. D’altronde la fiducia ripaga: per il numero #4 finora 11.7 punti di media e 4.4 assist.  

L’MVP DI BM, ANTHONY MILES

Ci voleva una prova da capogiro del suo miglior giocatore per far uscire Mantova dalla prolungata crisi, e così è stato. Prestazione clamorosa quella di Anthony Miles domenica contro Nardò: 38 punti con 7 triple mandate a bersaglio, 5 palle recuperate e un vertiginoso 41 di valutazione complessiva. Inutile discuterne, con una prova così il premio di MVP della giornata è cosa fatta. Onto the next.

IL QUINTETTO DI BM

Playmaker: Miles Anthony, Staff Mantova (38 punti, 41 di valutazione) 

Guardia: Simone Pepe, Reale Mutua Torino (23 punti, 31 di valutazione)

Ala piccola: Marco Giuri, Gruppo Mascio Treviglio (24 punti, 24 di valutazione)

Ala grande: Steven Davis, Fortitudo Kigili Bologna (19 punti, 10 rimbalzi, 27 di valutazione)

Centro: Dario Hunt, Acqua San Bernardo Cantù (20 punti, 6 rimbalzi)

I TOP DELLA GIORNATA

PUNTI: Anthony Miles (Staff Mantova), 31.

RIMBALZI: Wheatle (GTG Pistoia), Smith (Tassi Group Ferrara) 15

ASSIST: Eugenio Rota (UEB Gesteco Cividale), 10.

VALUTAZIONE: Anthony Miles (Staff Mantova), 41.

In foto, Dario Hunt (foto BasketInside)

LUIGI AMORI