Annunciato, da più fonti, un nuovo e decisivo colloquio tra Gianluca Muratori e Vincenzo Esposito nella giornata di oggi, ma l’esito, come BM aveva scritto fin dall’inizio, quando veniva dato per scontato l’accordo rimarrà negativo e non ci sarà nessun ripensamento da parte dell’ex giocatore dell’Aquila, come risulta bene a chi gli sta molto vicino e a chi non vuole vendere altro fumo ed illusione. E così alla Fortitudo, il 18 di luglio, rimane il nulla in mano. Tra rifiuti, anche Matteo Montano e Daniele Cinciarini, pur innamorati della maglia biancoblù, hanno preferito lidi più sicuri e situazioni irrisolte. E ora c’è da chiedersi cosa ne penseranno i prossimi candidati, anche quelli di trovata storia fortitudina, (oltre a riflettere sul no pesante e sul perchè di nomi così blasonati e famosi) ad essere contattati come quarta o quinta scelta sia per il ruolo di presidenza, che di allenatore. E la piazza è sempre più indispettita e frustrata ed a gran voce sui social, tanti ribadiscono il loro no a seguire la prossima stagione, finchè ci sarà questa proprietà.