Archiviato anche il quinto turno di Serie B Old Wild West, vediamo l’andamento generale dei quattro gironi del campionato.

GIRONE A

Continua il percorso netto di Unicusano Pielle Livorno e Elachem Vigevano con la Maurelli Group Libertas Livorno, che si rialza dopo la sconfitta di Montecatini per mano della Gema e la Sangiorgese Basket, in serie positiva dopo la sconfitta rimediata a Gallarate nel secondo weekend di campionato, appaiate a quota 8.

La classifica, ad oggi è molto equilibrata e densa di raggruppamenti, infatti dopo il quartetto delle zone alte ne troviamo un altro fatto da quelle appaiate a quota 6, Piombino, Omegna, Gallarate e Montecatini, intesa come Gema, vittoriosa nel derby contro la Fabo Herons, grazie soprattutto ai 27 punti in coppia di Molteni e Guerra.

Dato ancor più importante se si considera il basso punteggio del match, 65-66 il finale.

Gli ospiti dell’ultima stracittadina si confermano proseguendo il momento positivo dopo la vittoria con la Libertas.

Per le altre tre sopracitate compagini, da segnalare la vittoria di Omegna, proprio su Gallarate, grazie ai 16 punti di Antelli e ai 14 di Ballanzoni, non bastano i 14 di Hidalgo alla Esse Solar.

Piombino vince su Varese, 90-70 lo score grazie a un gigantesco Tiberti da 21 punti e 21 rimbalzi.

Si passa poi alle zone più basse della graduatoria con Casale Monferrato, Pavia, Oleggio e Legnano con 4 punti.

Sorprende la sconfitta netta di Casale Monferrato in casa, 63-88, contro Borgomanero che conquista i suoi primi due punti stagionali trascinata da Jovanovic, che ne mette 15.

Pavia lotta, ma cede a Vigevano, nonostante 50 marcature firmate dalla cooperativa Coviello-Gallizzi-Oboe.

L’ex Bianchi, 11 punti, punisce Legnano nella vittoria della Sangiorgese per 56-54.

GIRONE B

Classifica omogenea anche in questo contesto dove San Vendemiano, Mestre e Orzinuovi, conducono a quota 10, tutte e tre corsare, rispettivamente a Capo d’Orlando, Lumezzane e Ragusa.

Vicenza batte Monfalcone nonostante un Prandin da 18 marcature, mentre Crema, in una sfida tutta lombarda batte Lissone, grazie a Mascherpa e Stepanovic da 16 punti, con il secondo sopra il 40% dall’arco.

Desio vince di 2 a Reggio Calabria, 77-79, decisivo il ventello di Maspero, mentre le 21 firme, con tanto di 50% da 3 di Renzi non bastano ai locali.

La sfida tra le due compagini, ora appaiate a quota 4 punti, Palermo e Bergamo è appannaggio dei siciliani, 79-76 lo score, da segnalare un ottimo Masciarelli da 16 punti e il losing effort di Sodero, 23 i punti nel suo tabellino.

Il derby di Padova lo vince la Virtus, sospinta da un Ferrari da 25 punti e 75% da 2.

Non ne bastano altrettanti di Turel per evitare la sconfitta alla UBP Petrarca.

GIRONE C

Equilibrio è un ottimo secondo nome per questo terzo gruppo, a cominciare dalle zone alte dove seconda e terza sono a quota 8, seguite da sette squadre a 6 punti, 3 sono a 4 e altrettante sono ferme al palo.

In vetta c’è la Sebastiani Rieti di Sandro Dell’Agnello, vincente a Piacenza, 75-93, 33 i punti di un super Spanghero, con 6/7 al tiro pesante.

Firenze stravince a Empoli, 105-77, grazie a un’altra grande prestazione balistica di Lagana, autore di 27 punti.

Oltre a lui va segnalato anche il trentello di Passoni, 80% dalla lunga distanza.

Altra vittoria larga è quella di Faenza sui Tigers Romagna, 83-58 trainata dai 20 punti a testa per Aromando e Voltolini, non bastano Lovisotto e Brighi, rispettivamente 15 e 14 punti.

Fabriano vince a Jesi con Stanic e Centanni in evidenza, 23 sigilli per il primo e 29 per il secondo che chiude con il 55% da 3.

A Jesi non sono sufficienti i 19 punti di Rocchi,

Senigallia batte l’Andrea Costa Imola nonostante un magro 24% da 3 di squadra.

Felici con 21 punti trascina Ozzano che vince con San Miniato nonostante altrettanti punti realizzati da Spatti.

Fiorenzuola si impone di misura a Imola, 71-72 con la Vis, 42 i punti che le arrivano dalla premiata ditta Giorgi, Preti, Magrini.

Bene Galassi per i padroni di casa, 19 marcature per lui.

E’ di nuovo un trio a fare le fortune di una squadra, come per il caso sopraenunciato.

In Ancona- Matelica infatti Ambrosin, Panzini e Ciribeni marchiano a fuoco la gara, 58 punti in 3 con cui la Luciana Mosconi stende l’Halley Informatica.

GIRONE D

Molto equilibrato anche questo gurone D  in cui la sola Ruvo di Puglia ha fatto bottino pieno, avendo strappato il referto rosa anche a Pozzuoli.

Bisceglie, seconda batte Sant’Antimo, con un Dron da 43% al tiro pesante, nonostante un Mennella da 19 punti.

Caserta con un ottimo Sperduto, 27 punti e 6/9 dai 6 e 75 batte Avellino, entrambe sono a 6 punti, così come Taranto e Salerno, anch’esse avversarie nell’ultimo turno.

Oltre a queste ci sono anche Cassino e la Luiss Roma.

La prima è sospinta da un Milosevic, in quel di Pescara, che scrive 15 sul tabellino dei punti.

Per i laziali un Pasqualin da 24 punti è il mattatore di giornata a Monopoli, dove è Roma a vincere 85-86.

Un’altra battaglia si gioca a Roseto, dove Sala Consilina vince 65-66 con 18 marcature per Misolic.

Più netto, invece, il risultato di Teramo dove Corato vince 69-90 grazie a uno Stella da 19 punti e 60% da 3.

Non basta un Calbini da 15 punti ai teramani,

L’MVP DI BM

L’MVP di questa settimana non può non essere un sontuoso Spanghero, 33 punti, 86% da 3, 75% da 2, 3 assist e 3 rimbalzi.

IL QUINTETTO IDEALE DI GIORNATA PER BM

Il nostro quintetto ideale è così composto: Spanghero, nel ruolo di play, Centanni guardia, 29 punti e 55% da 3, Passoni, ala piccola, 30 punti,80% dall’arco,Tiberti, ala forte, 21 punti e 21 rimbalzi e Ferrari,  centro, 25 punti e 11 rimbalzi per lui.

MIGLIOR UNDER 22 DI BM

Questo premio oggi va a Michele Ferrari, classe 2003, già citato nel quintetto ideale.

(25 punti e 11 rimbalzi)

I MIGLIORI 5 DI BM

Oltre ai già citati Spanghero, Centanni, Tiberti e Passoni,merita una menzione anche Lagana, anche lui di Firenze, capace di realizzare 27 marcature, capace di tirare con il 62 % da 2 e il 50% da 3.