La Fortitudo Bologna si supera ed espugna il PalaVerde di Treviso per 93-99 con una prova maiuscola dopo un tempo supplementare. Nonostante le difficoltà fuori e dentro dal campo, la Kigili è riuscita a fare quadrato e a vincere una partita che alla vigilia sembrava impossibile. La squadra di Martino – priva di Feldeine e Aradori – si è compattata in difesa, vera problematica finora e ha giocato di squadra in attacco, muovendo la palla e trovando tiri ad alta percentuale. In assenza di ali piccoli, è salito in cattedra Procida, mentre Benzing è Groselle nonostante le critiche e le quasi cessioni dei giorni scorsi hanno giocato una partita quasi perfetta. Ma a mettere il tassello finale è stato Frazier, leader offensivo nel supplementare.
La Kigili ha condotto per quasi tutta la partita e quando ha sofferto nel quarto periodo (subendo un parziale di 9-0) ha saputo reagire con grande prontezza.
Questa vittoria è puro ossigeno per i bolognesi che finalmente muovono la classifica e riaccendono la fiammella della salvezza.
Per Treviso la Fortitudo è una vera e propria bestia nera. La Nutribullett ha avuto problemi di falli e praticamente è riuscita ad imporre il proprio predominio, fisico e tecnico.
Per la Kigili ci sono 21 punti di Benzing, 20 di Frazier, 18 di Procida, 15 di Charalampopoulos, 15 di Durham e 10 di Groselle.
Per Treviso invece arrivano 23 da Dimsa, 19 da Imbro, 14 da Sims e 13 Russell.

La cronaca.

Al PalaVerde, nonostante le assenze, la Fortitudo si presenta compatta e decisa a voler fare una bella. I due falli di Sims e le alte percentuali al tiro pesante fanno si che i primi 10’ si chiudano sul 20-24. Sugli scudi Procida e Durham da una parte e Dimsa dall’altra.
La Kigili comincia molto bene il secondo quarto. Charalampopoulos e soprattutto Procida sono in serata positiva. La Effe raggiunge persino la doppia cifra di vantaggio sul 26-36 e lo fa anche dalla difesa. Poi Treviso si compatta, ma all’intervallo va sotto di 6 sul 34-40.
L’avvio del secondo tempo è tutto a favore di Treviso che sistema la mira da tre e impatta a quota 45. Poi però la Fortitudo si compatta e grazie ad un super Benzing, tornato quello che conosciamo chiude il terzo quarto avanti 54-62.
Treviso alza i decibel ad inizio quarto periodo. Un parziale di 9-0 che poi diventa 11-2 porta i veneti in vantaggio di un punto a 6’ dalla fine.
La Fortitudo, questa sera, supera se stessa e grazie ad ispirato Charalmpopoulos e Frazier ritrova la testa della contesa. Ma il vantaggio dei biancoblu è basso, perciò si arriva alla fase conclusiva sul 80 pari. A 23” dal termine Sims sbaglia da sotto e a 4” Frazier sbaglia la tripla della vittoria: si va al supplementare, 80-80.
Sin dai primi minuti del supplementare la Fortitudo impone il proprio ritmo. Benzing fa la voce grossa e regala l’allungo decisivo che rendono vani i tentativi di Treviso con Imbro di rimonta: la Fortitudo vince 93-99.

QUI le statistiche complete del match

Eugenio Petrillo

Foto Ciamillo-Castoria