Atlanta Hawks (5) – New York Knicks (4) 113 – 96 (Serie: 3-1)

Gli Atlanta Hawks battono agilmente i New York Knicks, si aggiudicano gara 4 e torneranno al Madison Square Garden in vantaggio sul 3-1. Merito di un grande terzo quarto (35-22 per la formazione di casa) e di un Trae Young fortemente ispirato (27 punti, con 4 triple, e 9 assist). Ottime anche le prestazioni di John Collins (22 punti e 8 rimbalzi), Bogdan Bogdanovic (12 punti, 8 rimbalzi e 6 assist), Kevin Huerter (11 punti, di cui tre triple decisive) e  Danilo Gallinari (21 punti in 25 minuti, con 6/9 al tiro e 8/8 ai liberi), a dir poco chirurgico in uscita dalla panchina.

Los Angeles Lakers (7) – Phoenix Suns (2) 92 – 100 (Serie: 2-2)

I Phoenix Suns strappano una fondamentale vittoria in trasferta e riportano in parità la serie con i Los Angeles Lakers. La partita viene risolta nel terzo quarto (27-15 in favore degli ospiti), complice anche l’infortunio di Anthony Davis verso la fine del primo tempo (dolore all’inguine sinistro) e le basse percentuali di squadra dei Lakers (che non superano il 39.5%. Eccellente la partita di Chris Paul (apparso in buone condizioni fisiche), che chiude con 18 punti e 9 assist, così come quelle di Devin Booker (17 punti), DeAndre Ayton (14 punti e 17 rimbalzi) e Jae Crowder (17 punti e super difesa contro LeBron James). Per i Lakers non basta il solito sforzo del “Re” (25 punti, 12 rimbalzi e 6 assist), che trova un appoggio nel solo Marc Gasol (12 punti, 4/6 dal campo).

Boston Celtics (7) – Brooklyn Nets (2) 126 – 141 (Serie: 1-3)

I Brooklyn Nets cancellano l’ultima sconfitta con i Boston Celtics con una vittoria convincente in gara 4. Troppe assenze in casa Celtics (oltre a Jaylen Brown, anche Kemba Walker e Robert Williams), e troppo ritmo per i “Big Three” dei Nets (104 punti in tre), che nel secondo e terzo quarto regalano ai newyorkesi un parziale di 79-55. Il migliore in campo è Kevin Durant (42 punti, 14/20 dal campo, 3/3 da oltre l’arco e 11/11 ai liberi), anche se altrettanto notevoli sono le prestazioni Kyrie Irving (39 punti e 11 rimbalzi, 6/12 da tre e 11/11 ai liberi) e James Harden (23 punti e 18 assist). Non si rivela sufficiente, invece, un’altra stratosferica partita di Jayson Tatum (40 punti, 7 rimbalzi, 5 assist e 2 stoppate, con 17/17 ai liberi), supportato solamente dai 16 punti a testa di Marcus Smart e Evan Fournier.

Dallas Mavericks (5) – Los Angeles Clippers (4) 81 – 106 (Serie: 2-2)

I Los Angeles Clippers acciuffano i Dallas Mavericks e riportano in parità una delle serie più equilibrate e imprevedibili di questi playoff. Grandi meriti alla difesa dei losangelini, che non fa tirare i Mavs con percentuali superiori al 35% (5/30 da oltre l’arco), e alla coppia George-Leonard. Il primo, infatti, mette a segno 18 dei suoi 20 punti nel primo tempo (che i Clippers chiudono sul 61-45), mentre il secondo (che sbaglia 4 tiri in tutto il match) conclude la gara con 29 punti, 10 rimbalzi, 3 assist, 2 recuperi e 2 stoppate. In casa Mavericks, invece, preoccupano le condizioni di Luka Doncic (apparso in affanno per un dolore cervicale a spalle e braccio), che mette a referto 19 punti, 6 assist e 6 rimbalzi (ma con 1/7 da tre punti e 0/5 dalla lunetta).