Un peccato, una sconfitta che fa malissimo. L’Italbasket aveva visto lo striscione del traguardo a pochissimi centimetri davanti a sé, ma si è vista sfumare la vittoria all’ultimo respiro: vince la Francia 93-85 dopo un tempo supplementare.
La vittoria era veramente lì, ad un passo. Quei due tiri liberi sbagliati da Simone Fontecchio sul +2 Italia a 15 secondi dal termine fanno malissimo. Degli errori dal più forte, dal giocatore protagonista e trascinatore fino a quel momento. Poi la riscossa francese con il pareggio di Thomas Huertel a quota 77 e ancora l’errore sulla sirena di Fontecchio per la vittoria. Poi il tempo supplementare è stato una battaglia di nervi dove gli uomini di Collet chiaramente avevano più energie, sia fisiche che soprattutto mentali. Per di più nei 5’ di overtime l’Italbasket ha perso per falli Nicolò Melli e si è un po’ innervosita beccandosi anche un fallo tecnico.
La Francia va avanti e aspetta la vincente tra Slovenia e Polonia. Ancora una volta i transalpini giocano una partita non brillante e ancora una volta avanzano. Ancora una volta la Francia si deve affidare ad uno 0/2 avversario per passare il turno. Ma quel che conta è che ha vinto ed è nelle top 4 della competizione.
L’Italia – salvo gli errori nel finale – può recriminarsi ben poco. Ha fatto di tutto e di più, ha messo in piedi una difesa a tratti commovente e un terzo quarto da 31 punti che ha esaltato tutti.
Non sono bastati cuore, anima e spirito di sacrificio di tutti per battere una Francia compatta, non brillante ma ricca di talento.
Per l’Italia ci sono 21 punti di Simone Fontecchio e 21 anche di Marco Spissu, oltre che 12 di Gigi Datome e 10 di Nicolò Melli.
Hanno fatto malissimo i 20 punti di Thomas Huertel, i 19 – con 14 rimbalzi – di Gobert, i 17 di Evan Fournier, i 15 di Guerschon Yabusele ed i 13 di Timothe Luwawu-Cabarrot.

La cronaca 

L’inizio di partita è molto difficoltoso per l’Italia. Gli Azzurri faticano tantissimo, mentre la Francia spezza il ritmo in difesa in maniera impeccabile: 13-4 dopo 5’.
I transalpini fanno la partita e con un Luwawu-Cabarrot vanno sul +10, ma al termine del primo quarto Datome segna la tripla sulla sirena del 27-20.
L’Italbasket prova a rimanere aggrappata alla partita, la Francia però spaventa e continua a tenere una percentuale al tiro alta: 36-29 a 3’ dall’intervallo.
Si segna poco, si difende benissimo e a metà gara si va sul 38-31.
Alla ripresa l’Italia rimane li, poi inizia addirittura ad attaccare bene la difesa della Francia e con la tripla di Datome gli Azzurri vanno sul -1 (53-52) dopo 7’.
Gli Azzurri sono grandissimi. Nel terzo quarto ne segnando 31 e alla fine con Pajola, Mannion e Polonara volano sul +6 56-62.
L’ultimo quarto è una sofferenza. L’Italia difende alla grande, la Francia mette fisicità. A 2’ dalla fine siamo avanti 68-75.
La tensione è alle stelle. A 30 secondi dal termine si arriva sul 75-77 in favore degli Azzurri. Fontecchio subisce fallo, ma non si tira. Sul fallo successivo Fontecchio va in lunetta ma incredibilmente fa 0/2. Sul capovolgimento di fronte Huertel segna il pari a quota 77 lasciando 5 secondi all’Italia per tirare. L’azione disegnata è ineccepibile. Ma è Fontecchio sbaglia e si va al supplementare.
L’overtime è solo una battaglia di nervi. La Francia ha più energie fisiche e mentali. L’Italia ci prova fino alla fine ma i transalpini si impongono 93-85. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Achille Polonara, foto FIBA