In una al solito infuocata Cido Arena, i vicecampioni di Lituania del BC Lietkabelis hanno la meglio sui romeni dell-UBT Cluj al termine di una gara combattuta, con continui break da una parte e dall’altra. I padroni di casa hanno ottenuto il secondo successo stagionale grazie soprattutto alla giornata di grazia nel tiro da tre (48%), con Morris (24 punti e 4/8 da tre) e Sakic (16 punti e 4/6 dall’arco) determinati nel propiziare la fuga decisiva.

L’UBT perde la terza gara stagionale tenendo testa ancora una volta ad avversari sulla carta più quotati, ma peccando di esperienza a questi livelli nella gestione dei possessi decisivi. Il 29% da tre e gli undici liberi sbagliati (54%) hanno di fatto condannato i ragazzi di coach Silvasan, nonostante le buone prestazione di Meindl (22 punti, ma 5/11 dalla lunetta) e Stipanovic (20 punti con 10/11 dal campo e 7 rimbalzi).

 

Cluj affronta la trasferta senza uno dei suoi uomini migliori, il cubano Karel Guzman, rimasto in Romania per problemi di visto. I transilvani si portano subito avanti con 5 punti consecutivi di Bircevic. Il Lietkabelis risponde con Murausjas e Griciunas (6-5). La gara scorre via sui binari dell’equilibrio, con botta e risposta. La tripla di Lipkevicius chiude il parziale con i lituani in vantaggio di uno (19-18).

L’UBT parte forte nel secondo quarto, Stipanovic è incontenibile nell’area colorata e al 14’ mette a segno il canestro del +8 (21-29). Cluj sembra avere il controllo del match, ma l’attacco improvvisamente s’inceppa. I lituani prendono coraggio con le triple di Morris e Sakic e si riportano sotto di uno a un minuto dall’intervallo lungo (34-35). Meindl fa uno su due dalla lunetta e la tripla di Sakic vale il sorpasso (37-36). Un impalpabile Sanders consegna direttamente nell mani di Lipkevicius la palla dell’ultimo possesso e Morris in contropiede segna sulla sirena il canestro del +3 (39-36).

Cluj inizia con aggressività anche il terzo quarto. Richard impatta da tre e Taylor serve a Stipanovic l’assist del sorpasso (39-41). Il Lietkabelis continua a tirare dalla distanza con alte percentuali e piazza un parziale di 8-0 firmato Lipkevicius e Morris, volando sul +6 (47-41). Cinque punti consecutivi di Meindl riportano gli ospiti sotto (47-46). Richard dalla lunetta e Bircevic in contropiede completano il contro parziale di 9-0 (47-50). La gara è equilibrata, uno sfondamento di Meindl e un antisportivo fischiato a Stipanovic vengono sfruttati dai lituani per allungare con la tripla di Morris e la schiacciata di Murauskas (60-54). Dalla lunetta il brasiliano Meindl riavvicina Cluj (64-59).

In apertura di ultimo quarto il Lietkabelis prova l’allungo decisivo con Murausks (66-59), ma l’UBT non ha alcuna intenzione di alzare bandiera bianca. Richard ruba palla a Peno e riduce le distanze a 2 punti (68-66). I ragazzi di coach Silvasan difendono con aggressività, costringendo gli avversari a forzare e Kuti piazza la bomba del nuovo sorpasso al 33′ (68-69). La reazione dei lituani è immediata. Break di 10-0 (78-69) ottenuto dominando sotto i tabellini, conquistando extra possessi e colpendo ancora da tre con Sakic e Morris. Cluj in attacco è in confusione e dall’arco,

come già accaduto contro Venezia, tira con basse percentuali. Taylor prende la squadra sulle spalle e con la forza della disperazione realizza la tripla che riporta i romeni a due possesso di distanza (81-77). Una bomba di Meindl vale il – 3 (85-82) a 21 secondi dalla fine, ma i liberi di Kullamae spengono i sogni di rimonta di Cluj. Finisce 89-84 per i lituani.

QUI le statistiche del match

 

Nell’immagine Jamal Morris, foto Eurocup

Salvatore Possumato