Reggio Emilia dopo il successo esterno in casa di Trento si prepara ad un’altra difficile sfida di campionato. La compagine di Dragan Sakota infatti se la dovrà vedere con i campioni d’Italia dell’Olimpia Milano, che saranno vogliosi di riscatto dopo il ko in Eurolega contro l’Asvel Villeurbane. La squadra reggiana è un team che è stato fortemente rivoluzionato dopo le difficoltà iniziali, l’ultimo a partire è stato RJ Nembhard, che è stato sostituito da Jeremy Senglin, giocatore con maggior esperienza che arriva dal Fuenlabrada, ma che ha avuto anche esperienze in Francia al Nanterre ed in Germania al Ludwisburg. Tra i tanti cambiamenti che sono avvenuti a stagione in corso, anche quello dell’head coach passando da Massimiliano Menetti a Dragan Sakota, con il coach serbo che solamente ora sta iniziando a raccogliere i primi frutti. Una squadra che ancora una volta basa molte delle sue fortune sulle prestazioni del suo leader, Andrea Cinciarini (da poco diventato leader nella classifica All-time di assist in LBA), che sia nelle fortune che nei periodi più bui della squadra si sta dimostrando il giocatore più continuo ed ha ripreso da dove ci aveva lasciato la scorsa stagione. Insieme alla lui, la squadra si affida anche molto su Michael Hopkins, anche se quest’anno è stato spesso fermato dagli infortuni e non è ancora riuscito ad incidere come nella scorsa stagione. Stesso discorso per Osvaldas Olisevicius, che al rientro dal lungo infortunio deve ancora ritrovare la miglior forma e soprattutto continuità, anche se l’ultima prova contro Trento è stato un test incoraggiante. Ora Reggio Emilia, che si trova in una difficile situazione di classifica (ultima con quattro vittorie ed undici sconfitte) non ha più margine di errore, dovendo quindi cercare di limitare al minimo le sconfitte per evitare di rendere la situazione irrimediabile. Con l’Olimpia Milano servirà una partita perfetta, dove gli errori saranno limitati al minimo e servirà un’alta concentrazione difensiva per tutti e 40 i minuti della sfida, dato che la corazzata meneghina sa come sfruttare ogni singolo calo d’intensità e passo falso dell’avversario durante la sfida. Dunque non ci resta che attendere la sfida che andrà in onda su Eleven Sport alle 18.