Le parole dei due coach, quello di Pesaro Jasmin Repesa e quello di Milano Ettore Messina, dopo il loro scontro nel sesto turno di LBA:

JASMIN REPESA:

“Non siamo riusciti a giocare con determinazione, alcuni giocatori stasera non sono stati convinti di potercela fare. Abbiamo sofferto molto a rimbalzo, specialmente dal punto di vista difensivo: ovviamente così facendo diventa ancora più difficile essere competitivi contro squadre così forti. Gudmundsson ha portato tanta energia, si tratta di un ottimo ragazzo che gioca per la squadra e che difende alla morte senza arrendersi mai. Finora il bilancio di questa prima parte di campionato è positiva anche se abbiamo ancora il rammarico della sconfitta contro Napoli e per non aver dato tutto stasera, a livello di convinzione”.

ETTORE MESSINA:

“Sono molto contento, faccio i complimenti ai miei giocatori perché Pesaro aveva numeri offensivi importanti, stava segnando 91 punti di media, e noi l’abbiamo tenuta molto al di sotto dei suoi standard, con coesione e attenzione. Nella nostra metà campo abbiamo lavrato bene. Poi siamo stati pazienti in attacco nel dare la palla sotto canestro per non vivere di solo pick and roll, siamo stati disciplinati, tutti hanno aiutato e credo che nel secondo tempo abbiamo giocato anche bene. Forse abbiamo concesso qualche rimbalzo, ma nel complesso siamo stati bravi. Loro hanno ritrovato pubblico, ambiente, stanno giocando bene, hanno battuto squadre forti, mi ricordano molto la squadra sempre allenata da Repesa che ha giocato la finale di Coppa Italia due anni fa. Ha americani che si assumono le loro responsabilità e mancano Tambone e Delfino. Credo siano più profondi e proprio per questo sono davvero contento di quello che abbiamo fatto”.