Le parole dei due coach, quello di Pesaro Jasmin Repesa e quello di Sassari Piero Bucchi, dopo il loro scontro nell’ottavo turno di LBA:

 

JASMIN REPESA:

“Prima di tutto vorrei fare i complimenti alla squadra, perché abbiamo vinto in modo diverso, soffrendo fino in fondo, giocando in difesa, avendo pazienza e uccidendo la partita nel momento giusto. Aspettavo una gara difficile, perché loro sono una squadra ben allenata e preparata. Avevano una settimana per preparare la partita. In attacco qualcosa meglio potevamo fare, avere migliori letture e muovere meglio la palla, ma alla fine sono soddisfatto. Ci voleva una vittoria davanti al nostro pubblico, visto che abbiamo perso contro Napoli e Milano. Questo per convincerci che possiamo vincere anche in casa. Sono d’accordo sul fatto che il break è arrivato con Visconti e Mazzola. Complimenti a tutti e 2 perché hanno portato un’energia che ci voleva in quel momento. A partire dalla difesa. Ho chiesto alla squadra di dare un applauso a Riccardo alla sua uscita dal campo, perchè assolutamente meritava, un bel messaggio per lui, visto che la squadra crede in lui. Ha fatto un secondo tempo straordinario. Solo pochi (allenatori – ndr) nel mondo potevano rimetterlo dentro dopo un primo tempo così poco produttivo. Lui ha capito e ha fatto un secondo tempo davvero ottimo. Bravo”

 

PIERO BUCCHI: 

“Nel complesso una buona gara, però abbiamo pagato le percentuali ai tiri liberi e quando giochi fuori casa, riesci a costruire tiri, subire fallo, poi c’è mancata freddezza. Questo ci ha condizionato. Meno del 50% è ovvio che questo sia stato importante. Nel complesso la squadra ha lottato, ha difeso e nel complesso tanti aspetti positivi, ma l’amarezza rimane. Abbiamo speso falli, questo ci può stare e questo fa parte della pallacanestro, Abbiamo concesso un paio di canestri nel primo tempo senza essere in bonus. Alla fine comunque una buona gara. I falli non ci hanno compromesso più di tanto, non lo vedo come un problema di questa sera, visto che anche chi era in panchina ha dato un buon contributo. Su Pesaro e il suo buon inizio di campionato cosa dire? La Vuelle ha subito trovato una buona chimica di quadra con 5-6 giocatori fondamentali. E’ una buona squadra, un buon gruppo e questo si vede.”