La Leonessa non si ferma più. Brescia batte anche Trieste 87-76 dopo essere stata addirittura in svantaggio di 18 punti ad inizio secondo quarto. Ottava vittoria consecutiva, nona nelle ultime dieci, per il team di patron Ferrari. Nella serata poco felice di Mitrou-Long, ci pensano Moore (a nostro avviso il migliore in campo), Cobbins, Petrucelli e Burns (tutti in doppia cifra) ad aiutare il solito Della Valle. Il quintetto di coach Magro dopo l’inizio difficile si ricompatta e gioca tre quarti spettacolari lasciando le briciole agli ospiti. La squadra di coach Ciani offre una buona prova nel primo quarto, si porta sul 18-36, ma poi si spegne sotto i colpi della Germani che trova il modo di imbrigliare un Banks all’inizio devastante. L’Allianz col passare dei minuti non riesce a contrastare l’intensità dei padroni di casa, che si aggiudicano l’incontro sostanzialmente sul velluto.

Cronaca:

L’inizio di partita vede le due formazioni viaggiare sul filo dell’equilibrio. Buon ritmo, buone soluzioni offensive per entrambi i quintetti e punteggio che dopo 4’ è di 10 pari. Banks e compagni provano poco dopo la metà del tempo a lanciare la prima fuga. La bomba dall’angolo del numero 1, seguita successivamente dal jumper di Konate, fa segnare il primo strappo. Allianz sul +8 a 2’50 dal termine del quarto (12-20). Cobbins risponde alla tripla di Campogrande, ma un’altra magata di Banks, canestro più fallo e libero realizzato, porta Trieste sul 14-25. Le ultime azioni vedono i canestri di Cobbins e ancora Banks, che punisce un’altra volta la difesa biancoblù da oltre l’arco dei 6,75. Per lui 15 punti in questo primo quarto. Il punteggio vede gli ospiti chiudere avanti 16-28.

Anche Graziulis beneficia del buon momento dei compagni con le conclusione da oltre l’arco e regala il +15 in apertura di quarto (18-34). Dopo un gioco da tre punti di Delia che da il massimo vantaggio ai suoi (18-36), la Leonessa si sveglia. Grazie ad un lestissimo Petrucelli arriva un miniparziale di 6-0 che da animo alla squadra e al pubblico (24-36). Le squadre da questo momento lottano alla pari e muovono il punteggio all’unisono. A 3’ dalla pausa lunga il tabellone recita 30-40 Trieste. Brescia ritorna in corsa grazie a Moore e Della Valle (36-42). Nell’ultimo minuto di gioco la stessa coppia di giocatori realizza altri 5 punti che portano la Germani alla pausa lunga sul -1 (41-42).

Il secondo tempo si apre con un tecnico fischiato alla panchina di Trieste, questo permette a Della Valle di realizzare il libero della parità. Dopo il canestro di Konatè, i primi tre punti della sfida di Mitrou-Long regalano il sorpasso Germani (44-45). Brescia è on fire e va sul +6 coi canestri di Petrucelli e Burns (50-44). Sulla bomba del +9 targata Kenny Gabriel il Palaleonessa esplode di gioia. Banks ritorna a segnare ed interrompe il parziale di 11-0 degli avversari (53-46). Campogrande e Delia collaborano ottimamente e rimettono in sesto l’Allianz che si riavvicina a -2 (53-51). Ci pensa Gabriel con due triple a ricacciare indietro gli ospiti. Dopo le segnature di Graziulis, capitan Moss per Brescia e Delia (1/2 ai liberi), il quarto si chiude sul 61-54.

Due canestri di Moore e la bomba di Laquintana aprono l’ultimo quarto di gioco e scatenano il pubblico. Brescia dopo i primi 90’’ è avanti di 14 (68-54). Davis marca i primi punti per Trieste, ma un inarrestabile Cobbins replica prontamente. A cavallo di metà quarto Moore mette a referto un’altra tripla per il 75-59 Leonessa. La schiacciata di Petrucelli, dopo il canestro di Delia, e la seguente stoppata di Moore su Davis sono l’immagine della partita. La Germani macina gioco ed un’intensità difensiva impressionante rendendo quasi impossibile il ritorno della formazione di Ciani. La bomba di Petrucelli chiude il discorso. Gli ultimi due minuti vedono Brescia andare sul +18 prima del rientro di Trieste rintuzza il punteggio finale. La sfida termina sul 87-76.

Qui le statistiche dell’incontro

in foto: Lee Moore (Ciamillo-Castoria)

Riccardo Chiorzi