Dopo la difficile situazione vissuta nell’ultimo periodo dalla Pallacanestro Varese, con l’uscita di Jones, Kell ed Egbunu ecco il primo tassello per rimpolpare una squadra che dovrà mettersi all’opera sin da subito per lottare per la salvezza. Siim-Sander Vene è il giocatore individuato dalla società per sostituire Jones. Le sue parole e quelle del team manager Ferraiuolo:

FERRAIUOLO APRE LA CONFERENZA: 

“Siamo qui per presentare uno dei giocatori che ha segnato gli aspetti positivi della nostra squadra, non ha bisogno di presentazioni. Lo stimiamo per le sue qualità tecniche e professionali: sono gente seria gli estoni, sia in campo che fuori. Quando abbiamo capito che Jones aveva voglia di uscire dal contratto, abbiamo preso in considerazione la situazione di Sim e lo abbiamo firmato. Lui è fermo da un mese e mezzo, ci vorrà chiaramente un po’di tempo prima che si metta a posto ma poi ce la farà sicuramente. Esordirà domenica a Bologna senza potersi allenare con la squadra. È una partita che stiamo preparando alla lavagna, per la nota situazione del covid.”

SIIM:

Sono felice di essere tornato, alcune cose sono cambiate, altre no. So che la situazione non è delle migliori, però anche la prima volta che ero arrivato eravamo nella stessa situazione e spero che anche adesso riusciremo a metterci in quest’ottica.

Rispetto alle altre due volte non credo che cambierà molto, mi è sempre stato chiesto di fare da collante tra li esterni e gli uomini sotto canestro e anche a livello difensivo, aiutare a tutti ad essere più aggressivi in difesa. Ho parlato velocemente con l’allenatore, è chiaro che ci mancano due giocatori, ma ci si adatterà, con Sorokas che giocherà minuti da centro, come già fatto e io gli darò comunque una mano in qualsiasi situazione, è chiaro però che questo tipo di cose può capitare e quindi devi essere pronto per chiudere questi problemi.

SUL MERCATO, FERRAIUOLO:

Per quel che riguarda le situazione di mercato stiamo aspettando risposte. Già fare mercato in questo periodo non è facile, questa’anno il covid non aiuta, un po’ tutti anche in NBA sono alla ricerca di giocatori quasi di ogni tipo. È Chiaro che a cascata risulta essere difficile anche per noi trovarne. Su Ashley stiamo aspettando, è un giocatore che interessa altre leghe e tengo a precisare che ci stiamo veramente muovendo e cercando di capire su diverse situazioni, quella di Ashley è quella che si evolverà prima, ma siamo attenti a tutto quanto. Sono usciti diversi nomi questi giorni e la presenza di Siim sta a voler provare la consistenza del progetto.