La stagione 2022-2023  della Germani Basket Brescia deve essere quella della Riconferma. Non ci sono alibi dopo tutto il lavoro fatto e i risultati ottenuti nella passata edizione del campionato italiano. Un’annata fantascientifica quella disputata dalla formazione di coach Magro con record societari frantumati a profusione ed il terzo posto ottenuto al termine della stagione regolare. L’unica amarezza sta nel fatto di non aver avuto la condizione ottimale per disputare i play-off. Infatti la sconfitta patita nella serie dei quarti di finale con Sassari medita ancora vendetta. La nuova stagione però è alle porte e gli ingredienti per poter ripetere quanto fatto di buono nella precedente ci sono tutti.

Analisi generale:

Alessandro Magro e squadra tecnica non potevano che essere riconfermati in blocco dopo quanto fatto l’anno scorso. Il gioco offensivo rapido e senza punti di riferimento fissi ed una difesa col coltello tra i denti in ogni zona del campo, hanno sbaragliato completamente la concorrenza. Il ritmo imposto dalla squadra del coach di Castelfiorentino ha letteralmente mandato in confusione tutti gli avversari, Milano compresa, che hanno faticato e non poco a contenere le sfuriate biancoblù. Da questi cardini principali la Germani riparte, stavolta però con un grado di difficoltà maggiore, essere competitivi anche in Europa. I risultati raggiunti in campionato hanno permesso a Brescia di poter partecipare all’Eurocup, e questa è una vetrina troppo importante per essere trascurata. Nonostante la perdita di uno dei pilastri fondamentali della scorsa stagione, Naz Mitrou-Long, finito sotto contratto con i Campioni d’Italia di Ettore Messina, i nuovi arrivi sono prospetti interessanti che possono aumentare di molto il rendimento della squadra lombarda. Il candidato principale per non far rimpiangere la guardia/play canadese risponde al nome di CJ Massinburg. Originario di Dallas, classe 1997, è uno dei prospetti più interessanti visti in Europa la scorsa stagione. La guardia Usa proviene dal Limoges, squadra di vertice del campionato francese, dove ha fatto registrare medie importanti (14,4 punti, 4,3 rimbalzi, 3,5 assist e 15,3 di valutazione). Giocatore offensivamente molto pericoloso, sa disimpegnarsi molto bene anche in fase difensiva. L’altro colpo ad effetto è quello di Troy Caupain. Il play di New York, classe 1995, era già stato avvistato per un breve periodo in Italia nel 2018 e più precisamente ad Udine. Poi per lui due esperienze di livello europeo ad Ulm (compagno di Petrucelli) e al Darussafaka nella passata stagione. Il prodotto di Cincinnati ha dalla sua un’ottima capacità nel mettere in moto i compagni di squadra oltre che doti di leadership non indifferenti, fatto che ha intrigato molto lo staff della Leonessa. Nel reparto “piccoli” poi va segnalato l’arrivo di David Cournooh, uomo di esperienza, con un passato in maglia Virtus, chiamato per dare minuti importanti nelle rotazioni. Per quanto riguarda il reparto lunghi, dopo le conferme di Cobbins, Gabriel  e Burns, va segnalato l’arrivo di Tai Odiase. Il nativo di Glenwood, classe 1995, dopo un’annata in Germania all’Ewe Oldenburg, arriva alla corte di Magro per dimostrare tutto il suo potenziale difensivo. Cresciuto nell’University of Illinois Chicago detiene il record di stoppate dell’intero ateneo (361), che nella classifica all-time del campionato NCAA vuol dire al 37esimo posto. Oltre a lui un altro rinforzo di livello è senza dubbio quello di Nikola Akele al quale si chiede un contributo maggiore rispetto a quanto fatto da Eboua e non solo. Le sue doti atletiche eccezionali saranno utili nel pitturato sia in fase difensiva che offensiva. Questi uomini vanno ad affiancare, oltre ai riconfermati già citati, Laquintana, Petrucelli, David Moss e il vero colpo di mercato di quest’anno… Amedeo Della Valle.

Colpo di Mercato:

Non me ne vogliano i nuovi arrivi ma dopo una prima parte d’estate tribolata la notizia del rinnovo di Della Valle è stata una boccata d’ossigeno straordinaria. Il miglior giocatore della scorsa edizione del campionato ha deciso di rimanere e sposare il progetto Germani e questo fa di lui il vero colpo di questa stagione, sperando ovviamente che possa ripetere le grandi cose fatte lo scorso anno. Arrivato a Brescia per rilanciarsi non solo ha saputo fare quanto preventivato, ma addirittura si è superato. Tutto questo però non gli è bastato per convincere coach Pozzecco a portarlo all’Europeo con la maglia della nazionale. Peccato davvero, ma siamo sicuri che la delusione subita saprà trasportarla sul parquet per continuare con Brescia il suo percorso di rinascita.

Punti di forza:

L’entusiasmo della società, della squadra e soprattutto della piazza dopo la passata stagione trionfale saranno le armi in più che spingeranno la squadra del patron Ferrari alla conquista di risultati di spessore. Le armi in serbo a coach Magro sono molteplici, considerando anche un rooster lungo da cui può attingere a piene mani. Tutto questo è quello che serve per affrontare al meglio sia il campionato che l’Eurocup. Il gioco offensivo corale che non dà punti di riferimento all’avversario e la difesa aggressiva saranno i classici mantra da rispettare.

Punti deboli:

Sicuramente il doppio impegno Campionato-Coppa toglierà energie importanti alla squadra che non essendo abituata farà all’inizio molta fatica. Ovviamente c’è da trovare l’affiatamento giusto coi nuovi innesti perché la perdita di Mitrou-Long non sarà semplice da colmare.

Quintetto Probabile:

Della Valle, Massinburg, Petrucelli, Gabriel, Odiase.

Obbiettivo:

Confermarsi sui livelli della passata stagione sarà l’obbiettivo principale. La partecipazione ai playoff di Coppa Italia  e a quelli validi per il Tricolore soprattutto. Oltre a questi due sarà importantissimo fare una bella figura anche nel girone di Eurocup, non pensando troppo alla qualificazione al turno successivo. Perché come sanno bene qui a Brescia, gli obbiettivi vanno raggiunti un passo alla volta.

Acquisti:

CJ Massinburg, Troy Caupain, Tai Odiase, David Cournooh, Nikola Akele

Cessioni:

Naz Mitrou-Long, Lee Moore, Paul Eboua

 

in foto: Amedeo Della Valle (Ciamillo-Castoria)

 

Riccardo Chiorzi