Il Prometey sconfigge la Germani Brescia in Eurocup grazie ad una superiorità a rimbalzo, 46 carambole catturate contro le 29 della squadra italiana e grazie al maggior numero di liberi avuti durante la sfida, 21/31 (67%) per gli ucraini, contro il 18/25 (72%) della squadra di Magro. Le squadre si sono più o meno equivalse per quanto riguarda la percentuale da due punti, 20/40 (50%) per i padroni di casa contro il 15/29 (51%) per la Germani. A Brescia invece non basta la miglior percentuale da tre punti, 8/23 (34%) contro il 6/27 (22%) per gli ucraini. Di seguito le pagelle del match:

 

PROMETEY:

James Dickey III 6,5: Buona la sua partita, risponde presente quando chiamato in causa in attacco dove produce 6 punti e 9 rimbalzo ed anche in fase difensiva disputa un’ottima prova

Marek Klassen S.V. Appena 5 minuti in campo

Gian Clavell 6: Disputa una discreta gara, dove trova 9 punti in fase offensiva, nonostante le fatiche dietro l’arco (1/5) ed anche in difesa è sempre attento e concentrato

Ivan Tkachenko S.V. Solamente 2 minuti in campo

Denys Lukashov N.E.

Caleb Agada 6: In attacco incide a tratti, producendo 11 punti, ma faticando dietro l’arco con uno 0/7 dal campo ed in difesa disputa una discreta sfida

Oleksandr Lipovyy 6: Gara senza infamie e senza lodi, appena 2 punti in attacco, mentre è autore di un’ottima prestazione in difesa

Ondrej Balvin 6,5: Uno dei migliori nelle fila dei padroni di casa, una presenza costante sia nella metà campo offensiva che in quella difensiva, chiude con una doppia-doppia da 10 punti e 10 rimbalzi

Dj Kennedy 7: Il dominatore della gara, un vero e proprio fattore sia nella metà campo offensiva che quella difensiva, chiude con 17 punti e 5 rimbalzi

Dj Stephens 6,5: Anche lui brilla nelle fila del Prometey, in attacco incide solamente a tratti, producendo 7 punti e 7 rimbalzi, mentre in difesa è artefice di un’ottima prestazione

Viacheslav Petrov S.V. Solo 28 secondi in campo

Issuf Sanon 7: Anche lui uno degli assoluti protagonisti della gara, fondamentale la sua vena realizzativa dietro l’arco e con le sue accelerazioni, chiude a 17 punti e 5 rimbalzi

coach Ronen Gizburg 6,5: La sua squadra continua a vincere ed a stupire in Eurocup, confermandosi nelle prime posizioni della classifica al termine di un’altra partita convincente

 

GERMANI BRESCIA:

Kenny Gabriel 5: Uno di quelli che fatica maggiormente nella sfida, appena 1 punto in attacco ed anche in difesa soffre contro la fisicità dei lunghi ucraini

Cj Massinburg 6,5: Si accende nel finale e prova a tenere in vita i suoi, ma alla fine è costretto anche lui ad alzare bandiera bianca, chiude un’ottima partita a 16 punti

Aleksej Nikolic 5,5: Partita fatta di luci ed ombre, dove alterna tanti alti e bassi su entrambe le metà campo, chiudendo ad appena 4 punti e 2 rimbalzi

Amedeo Della Valle 6,5: Il migliore della Germani insieme a Massinburg, prova a farla scappare nella seconda frazione, ma nel finale non riesce a tenerla a galla ed a trascinarla al successo, produce 20 punti

Ryan Taylor 5: Gioca la sua peggior partita dal suo arrivo in Italia, non riesce mai ad entrare in partita faticando su entrambe le metà campo, non producendo alcun punto

Mike Cobbins 6: Disputa una buona partita, attento e concentrato in fase difensiva ed in attacco produce 6 punti e 7 rimbalzi

Tai Odiase 5,5: Anche lui oggi non riesce ad incidere del tutto, bene nella metà campo difensiva ma fatica in attacco dove trova appena 4 punti

Christian Burns S.V. Appena 3 minuti in campo

Tommaso Laquintana S.V. Solamente 3 minuti in campo

David Cournooh 6: È autore di un’ottima partita in uscita dalla panchina, dove produce 10 punti

David Moss 6: Discreta sfida la sua, attenta e concentrata in fase difensiva e produce 3 punti in attacco

Nicola Akele 6: Gara positiva la sua, dove produce 6 punti e 4 rimbalzi in attacco ed anche in difesa risponde sempre presente

coach Alessandro Magro 5,5: La sua squadra disputa una buona partita, ma paga un pessimo inizio di quarto periodo che finisce per costare la sfida alla squadra italiana

 

Nell’immagine Amedeo Della Valle, foto Ciamillo-Castoria

Valerio Laurenti