BOLOGNA – La Virtus Bologna batte il Fenerbahce per 92-88 e lo fa tirando con il 60% da due, il 55% da tre ed il 92% ai liberi. Il 55% dalla lunga distanza ha mascherato il predomino turco a rimbalzo (37-20, con 16 offensivi). Il Fener tira con il 63% da due, il 32% da tre ed il 75% a cronometro fermo.
15 le palle perse degli ospiti, 13 quelle dei felsinei. 

Le pagelle 

VIRTUS BOLOGNA 

MANNION 8 Partita sontuosa, praticamente senza errori: 13 punti in 20’. Senza Hackett era chiamato a fare quel qualcosa di più. L’ha fatto alla grande e dimostra di poter giocare a questo livello: poche “incaponite” al canestro e più efficacia dal perimetro.
BELINELLI 9 MVP e partita incredibile, la migliore del suo recente passato: 18 punti con 6/9 da tre. Protagonista assoluto nel parziale decisivo della Virtus nel quarto quarto, autore di prodezze da ricordare.
PAJOLA 8.5 Commovente. Segna 2 punti (2/2 ai liberi, i più pesanti), è su tutti i possessi, recupera un pallone decisivo e serve 10 assist ai compagni. Doveva stare ai box, ma lo stop dell’ultimo minuto di Hackett l’ha costretto al campo: gladiatore vero.
BAKO 6.5 È stato probabilmente l’unico ad arginare Motley: 2 punti in 10’
JAITEH 7.5 Partita decisamente positiva. Fa valere la sua stazza sotto le plance con 14 punti e 7 rimbalzi. La differenza fisica tra le due squadre è stata evidente, ha sofferto a rimbalzo, ma in attacco ha fatto valere le sue ragioni.
LUNDBERG 5.5 Prova impalpabile, è lui il piccolo neo in una serata perfetta: 0 punti in 16’. Va recuperato il prima possibile
SHENGELIA 7 Blocca qualche volta di troppo la palla, ma è una presenza importantissima per la Virtus: 11 punti in 22’. La sua esperienza e la sua pericolosità e risaputa, i Toko è meglio averli nel proprio roster piuttosto che contro.
MICKEY 8 Recuperato all’ultimo, con una vistosa fasciatura alla spalla ha tirato fuori una prestazione incredibile: 11 punti e 3 rimbalzi. Segna persino canestri pesantissimi. Più di così al lungo americano era difficile chiedere.
CAMARA NE
WEEMS 8 Serata perfetta al tiro (4/5 da tre): 12 punti in 22’. Finalmente si è rivisto il Kyle Weems che conoscevamo, quello che non sbaglia piedi per terra fuori dalla linea da tre. Per la Segafredo avere un giocatore affidabile al tiro è cosa fondamentale.
TEODOSIC 8 Catalizza le attenzioni della difesa turca, ma lui risponde con 9 punti e 5 assist. Spara da tre sin dai primi possessi, fa entrare in partita il pubblico della SegafredoArena. Poi viene braccato, ma apre il campo a meraviglia.
ALL. SCARIOLO 8.5 Ancora una volta si regala un capolavoro, questa volta in condizioni fisiche difficilissime. Con tutte quelle defezioni, contro una delle migliori squadre d’Europa, non era certo facile tirare fuori un coniglio del genere dal famoso cilindro. La sua impronta su questo successo è ancora una volta parecchio evidente.

FENERBAHCE

MOTLEY 8 Una spina nel fianco per tutta la partita: 26 punti con 8 rimbalzi
BIRSEN SV Gioca solo 16 secondi
WILBEKIN 4.5 Uno dei peggiori in campo, delusione con 12 punti e male al tiro (2/7 da tre)
EDWARDS NE
MAHMUTOGLU SV Gioca 4’ segna una tripla
HAYES-DAVIS 5 Per niente brillante, 2 punti in 10’
BIBEROVIC SV 5’ senza lasciare il segno
PIERRE 6 Partita tutto sommato positiva, con 7 punti e 4 rimbalzi
GUDURIC 6 Pericoloso come al suo solito, 11 punti in 23’
BOOKER 6.5 Prezioso a rimbalzo offensivo (6 degli 8 totali). Segna 7 punti
CALATHES 6.5 Arginato molto bene, poi però quando sfoggia il suo talento fa la differenza: 12 punti, 6 rimbalzi e 4 assist
ANTETOUKOUNMPO 6 Spara tutto subito, poi viene dimenticato nelle rotazioni: 8 punti in 13’
ALL. ITOUDIS 5.5 Perde il confronto con Scariolo, oggi conduce una partita nervosa e alla fine capitola

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Belinelli, Pajola e Mickey, foto Ciamillo-Castoria