Come anticipato ieri, Emmitt Williams non è più un giocatore della Gevi Napoli. Nell’immediato dopogara di Venezia, il lungo ha chiesto alla società partenopea di poter rientrare immediatamente negli Stati Uniti per importanti questioni familiari.

Questa la nota della società:

La Gevi Napoli Basket comunica di aver rescisso consensualmente il contratto con l’atleta Emmitt Williams. Il giocatore americano, subito dopo la partita con la Reyer Venezia, ha chiesto alla società di poter rientrare immediatamente negli USA per urgenti problemi familiari. La Gevi Napoli Basket ringrazia il cestista statunitense per l’impegno dimostrato nella sua breve esperienza napoletana, augurandogli le migliori fortune umane e professionali.

Il contratto è stato rescisso consensualmente e già da oggi il direttore sportivo Alessandro Bagnolesi si metterà a lavoro per individuare il profilo più adatto per completare il reparto lunghi. Sarà la quarta ala forte titolare che Napoli metterà sotto contratto nel giro di appena due mesi e mezzo. Va da sé che la scelta dovrà per forza di cose essere ponderata e in tal senso la pausa aiuterà a vagliare con maggiore calma le varie opzioni presenti sul tavolo.

Il nome che circola in queste ore è quello del possente nazionale nigeriano Andy Ogide (206 cm per 111 kg). Il trentacinquenne, approdato in Italia nel 2017 dopo le esperienze nella seconda divisione di Spagna, Francia e Israele, è rimasto nel nostro paese per quattro stagioni difendendo i colori di Roseto, Piacenza e San Severo e chiudendo l’ultima esperienza in Puglia con medie di 13,8 punti e 7,4 rimbalzi. Lo scorso anno ha giocato nella seconda categoria turca, con l’OGM Ormanspor, facendo registrare 13,9 punti e 7,1 rimbalzi di media. Attualmente gioca nella Liga Argentina con il Boca Juniors, dove viaggia a una media di 8,3 punti a partita.

Ottimo rimbalzista e discreto tiratore dalla lunga distanza (47,1% a Roseto, 42,2 nella prima stagione a San Severo), è utilizzabile sia come 4 accanto ad un giocatore più statico che come centro. Ogide garantirebbe maggiore presenza sotto le plance, ma coach Maurizio Buscaglia preferirebbe un’ala forte che abbini fisicità a capacità di correre bene il campo, per sfruttarne le doti nel gioco in transizione. Il lungo nigeriano ha dalla sua esperienza e conoscenza del nostro campionato, ha però militato esclusivamente in Serie A2 Old Wild West. Ai massimi livelli del nostro basket rappresenterebbe una scommessa che Napoli forse non può permettersi.

Si tratta comunque solo di sondaggi, uno dei profili che la dirigenza partenopea sta mettendo sotto la lente d’ingrandimento per valutare la scelta migliore da consegnare a coach Buscaglia.

Salvatore Possumato