Le parole del coach di Milano Ettore Messina dopo il ko in Euroleague in casa dell’Olympiakos:

“Congratulazioni a coach Bartzokas ed alla sua squadra, siamo stati in partita fino a metà terzo quarto, poi alcuni giocatori che ci hanno trascinato negli ultimi mesi non hanno più avuto energie. Ad inizio terzo quarto li abbiamo ad appena due punti nei primi cinque minuti, ma ne abbiamo segnati 5, sbagliando tre tiri aperti. Ci sono stati quattro possessi che penso sarebbero dovuti essere fischiati diversamente, penso al tiro di Kyle Hines su cui è stato fatto fallo, il fallo su atto di tiro che è stato cancellato perchè la palla era uscita, la partita è andata nella direzione sbagliata per noi. Non toglie nulla ai meriti dell’Olympiakos, che una grande squadra ed ha finito la partita nel migliore dei modi. Ogni turno ci sono almeno un paio di sorprese, se prendi una partita alla leggera, perdi. C’è tanta competizione, non sai quante vittorie sono necessarie per fare i playoff, per esempio due anni fa il Khimki ha perso molte partite e sapevi qual era il limite per andare ai playoff, ora non ne hai idea e tutto può accadere, vedremo. Lo dissi per primo due-tre anni fa, dovremmo considerare un format diverso per i playoff, perchè solamente otto squadre su diciotto squadre che fanno i playoff, ci sono proprietari che investono molto sulle squadre. Se pensi all’NBA 16 squadre fanno i playoff e quattro fanno i Play-In, è una bella ricompensa, un grande risultato. Una delle tante cose che va discussa in futuro da Euroleague, è di avere più squadre nei playoff. Tutti e tre i giocatori Datome, Shields e Pangos saranno out almeno fino a fine gennaio, che non è una buona notizia, stanno recuperando, è come se l’Olympiakos giocasse senza Slouskas e Walkup, non glielo auguro non mi fraintendete. L’ultimo quarto la squadra ha giocato meglio, con maggior confidenza, vedremo, non alzeremo bandiera bianca di sicuro”.