Giampaolo Ricci, intervistato da Fabrizio Ponciroli del “Corriere dello Sport”, ha parlato del momento di rinascita dell’EA7 Emporio Armani Milano: “Direi che siamo stati molto bravi nelle ultime settimane a continuare a lavorare sodo. Stiamo raccogliendo i frutti del duro lavoro che abbiamo fatto. Sicuramente queste due vittorie consecutive in Eurolega (Monaco e Valencia, ndr) sono importanti, anche se non abbiamo fatto ancora nulla. La strada è lunga ma, speriamo che il peggio sia passato. I playoff di Eurolega sono alla nostra portata? Sì, penso che siano ancora raggiungibili. Scalare un gradino alla volta, questo deve essere il nostro pensiero quotidiano. Ora ci aspettano tante partite, molte complicate in trasferta, però l’atmosfera che si respira negli allenamenti è diversa. Possiamo fare bene e lo sappiamo”.

E adesso la testa è sul big match contro la Virtus Segafredo Bologna (live su Eleven e NOVE lunedì alle 20.30): “Una gara importantissima, eppure noi dobbiamo pensare che tutte le partite sono delle finali. Chiaramente, in campionato quel che conta è essere in forma a maggio/giugno, tuttavia vincere aiuta a vincere. Come dicevo prima, dobbiamo pensare a una partita alla volta. Adesso c’è quella con la Virtus sulla quale concentrarsi”.

Ricci chiude sottolineando il legame che ha con la tifoseria biancorossa: “Adoro il calore e l’amore del pubblico biancorosso. Sono contento perché sono me stesso, sempre e comunque. Il mio momento preferito è quando, alla fine di una partita, magari vinta, faccio un autografo ad un bambino. Bellissimo, mi piace tantissimo il rapporto che ho con i tifosi”.

Fonte: legabasket.it