Dopo una brutta sconfitta come questa è difficile trovare il migliore dell’Italbasket. Nell’87-82 in favore della Repubblica Domenica ci sono tutti i limiti emersi dagli azzurri. Difficoltà a contrastare la fisicità degli avversari e le scarse opzioni quando il tiro non è entrato.
Trovare oggi l’MVP dell’Italbasket è impresa ardua, ma gli ultimi cinque minuti di gioco ci sono venuti incontro. Il protagonista del tentativo di rimonta è stato Marco Spissu, ultimo azzurro ad issare bandiera banca.
Il playmaker di Venezia si è carico la squadra sulle spalle, è arrivato vicino a quella che sarebbe stata una vera impresa, ma ha dovuto capitolare. Per lui in 22’ di impiego ci sono 17 punti (4/9 dal campo, frutto di 2/4 da due e 2/5 da tre con un bel 7/7 ai liberi), 5 rimbalzi, 4 assist, 2 recuperi e 22 di valutazione.
Una buonissima prova nel complesso, ma che risulta assolutamente inutile.

Spissu l’MVP Azzurro, foto FIBA

Menzione invece d’onore per l’MVP della partita per il domenicano Andres Feliz. La guardia dello Joventut Badalona è stato il vero protagonista della partita, l’uomo che ha permesso ai caraibici di ottenere una vittoria fondamentale in chiave qualificazione. Il numero 10 della Repubblica Domenicana in 33’ ha fatturato 24 punti (8/12 dal campo, frutto di 1/2 e uno straordinario 7/10 da tre) con 5 rimbalzi, 5 assist e un magistrale 27 di valutazione.
Tutte le attenzione dell’Italbasket erano poste su Karl-Anthony Towns, ma Feliz si è dimostrato il classico “gemello del gol” che di fatto è stato decisivo nell’economia della partita. 

Andres Feliz protagonista assoluto, foto FIBA

Nell’immagine di copertina Marco Spissu, foto FIBA