Derby veneto, partita speciale. Una super De’Longhi Treviso piega una Reyer Venezia irriconoscibile per aggressività tendente a 0 ed una difesa sempre in ritardo e molto negativa: 100-93 il finale per i biancoblu. Una partita disastrosa nella metà campo difensiva degli oro-granata sospinge i bianco-blu al grande upset di giornata: la coppia Banks-Iroegbu affonda la squadra di De Raffaele con 55 punti combinati ed una prova straordinaria per qualità, aggressività e presenza in campo. Imprendibili i due esterni, hanno giocato una partita da 18/29 dal campo combinato, 9 assist e 55 di valutazione. Esplode – però – anche Cooke, che alla miglior probabilmente della stagione mette una doppia doppia da 12+11 in 25′. L’ago della bilancia pende da parte trevigiana con le triple di Zanelli ed un attacco lagunare che si inceppa da lontano e da due: l’ex Brindisi spezza l’equilibrio, crea l’allungo decisivo negli ultimi 120″ e stende una Reyer modesta difensivamente parlando. Le seconde opportunità concesse negli ultimi 10′ a Treviso fanno la differenza, Venezia si spegne nonostante i più assist, le minori palle perse ed una percentuale leggermente migliore da due: un paio di statistiche che però lasciano il tempo che trovano quando energia ed aggressività erano tutte di marca trevigiana. Triple, lucidità e furore agonistico le chiavi del successo bianco-blu, perché i derby sono così, sfuggono da pronostici e tattica.

CRONACA

Il primo strappo imponente è di marca trevigiana, con Banks ed Iroegbu che fanno il bello e cattivo tempo triturando la retina da lontano e dando un immediato +11 alla squadra di casa. Venezia però reagisce di orgoglio e pulizia offensiva con il talento di Moraschini e Spissu ed al 10′ va avanti 23-24: ritmi altissimi e tantissimi canestri dalle due parti. Si prosegue sul grande equilibrio per il secondo e terzo quarto, le due squadre si scambiano canestri, gli oro-granata provano a dare uno strappetto sul +5 ma non hanno la lucidità e solidità per scappare: Banks ed Iroegbu con Sorokas firmano sorpasso e strappo, cucito da Parks in un amen. Equilibro nell’ultima frazione, Reyer guidata da Watt, ma negli ultimi 120″ ci pensa Zanelli a far saltare equilibri e tappo: Treviso vince 100-93.

QUI le statistiche

Daniele Morbio

Foto Ciamillo-Castoria (in foto Ike Iroegbu)