Le parole dei due coach, quello di Pesaro Jasmin Repesa e quello Napoli Maurizio Buscaglia, dopo il loro scontro nel quarto turno di LBA:

 

JASMIN REPESA:

“Mi dispiace per i ragazzi per il lavoro che hanno svolto in settimana. Alla fine abbiamo avuto poca lucidità e complimenti a loro per la vittoria. Dobbiamo rimanere coi piedi per terra, perché il campionato è molto equilibrato e tutto può succedere. Abbiamo perso due gare di fila e dobbiamo riprendere a lavorare per preparare la prossima partita come si deve. Moretti ha giocato bene, ma Howard il suo avversario, ha segnato 23 punti. Non c’è solo attacco, ma anche difesa. Se noi subiamo come stasera tantissimi canestri facili. 30 punti in contropiede e 15 dopo rimbalzo offensivo, più i tiri liberi, allora è difficile vincere. Come primo obiettivo avevamo di rientrare in difesa, perché loro corrono molto bene e attaccano subito il canestro. Sono aggressivi a rimbalzo offensivo e noi abbiamo subito tantissimo, per cui era difficile vincere. Non ci permettevano di correre e questo ci limita molto. Questa era l’analisi vera di questa partita. Tutto il resto sono episodi. Forse dovevo chiamare time-out prima alla fine. Li vedevo un po’ tesi. Abbiamo fatto due layup in contropiede, sbagliati. Sono cose che non possiamo permetterci. Se parliamo tutta la settimana per avere presenza a rimbalzo in attacco, come primo passo per non sviluppare contropiede facile, tutti devono essere concentrati. Tutte queste cose non le abbiamo fatte. Perchè? Mi faccio la domanda come allenatore. Nel primo tempo abbiamo preso pochissimi rimbalzi in attacco. I nostri lunghi non sono stati presenti, di contro il loro contropiede è stato strafacile. Ci manca forse qualcuno che nei momenti chiave abbia più esperienza e lucidità e facce bene le piccole cose che servono per vincere. Avevamo tantissima voglia, ma non abbiamo giocato tranquilli.”

 

MAURIZIO BUSCAGLIA:

“Siamo contenti della vittoria perché abbiamo cercato di dare continuità alla partita in casa, nonostante la sconfitta contro la Virtus Bologna. Abbiamo cercato di non mollare mai, stando sempre lì. Soprattutto fuori casa, su campi difficili, contro squadre che giocano bene come Pesaro, dobbiamo difendere bene. Nel secondo tempo lo abbiamo capito. Questo ci ha permesso di rimanere vicini nei parziali. Abbiamo fatto un buon ultimo quarto, abbiamo tirato per vincere. Per noi è un successo perché nella strada che sta facendo questa squadra, sono esperienze molto importanti per noi. Non è che voglia giocare partite a punteggi alti, ma la squadra deve capire che in certi momenti bisogna abbassare i parziali e il ritmo per gestire i momenti. Come tutti i giocatori di grandissima energia Williams c’è sempre. Ha segnato 3 dei 4 tiri liberi nel finale, dopo aver sbagliato i primi. Oggi ha fatto una gran partita.”