Nuovo appuntamento del giovedì di Euro Emoticon, la rubrica di Basket Magazine dedicata al grande basket internazionale. 

Nella Eurocup torna in campo la Virtus Segafredo Bologna, ma lo fa con una netta sconfitta in Germania. Niente da fare invece per la Reyer Venezia, bloccata ancora dai rinvii. La Dolomiti Energia scende in campo regolarmente, perdendo la decima partita su undici disputate.

Nella BCL, Treviso scenderà in campo la prossima settimana per il primo impegno delle Sweet 16.

Ma vediamo più nel dettaglio com’è andata questa settimana europea.

CHI SALE

BADALONA

Ad Amburgo gli uomini di Carles Duran ottengono la sesta vittoria consecutiva, la nona in undici gare. D’accordo che la formazione tedesca non è propriamente la corazzata più spaventosa della competizione, ma intanto la prova di forza è significativa. Badalona sta dimostrando una solidità impressionante, figlia di un roster lungo e di talento, nel quale ognuno contribuisce in maniera egregia. Nelle logiche dei catalani non c’è un solista o un vero e proprio trascinatore, ma un grande collettivo. Questa caratteristica, nel corso di una regular season, è una vera e propria garanzia. Per quanto riguarda i playoff, staremo a vedere; ma di certo, ad oggi, non possiamo escludere Badalona dalle pretendenti. 

VALENCIA

L’ennesima dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che il basket spagnolo è di un altro livello arriva da Valencia, dove la squadra di Penarroya strapazza malamente il Buducnost nello scontro diretto per il secondo posto. I valenciani sfiorano il trentello di vantaggio, lasciando i montenegrini molto più che fuori dal campo, fuori dal palazzo. Clamorosa prova di forza che vale l’aggancio al primo posto con Gran Canaria, nonostante una partita in meno. Stesso discorso di Badalona: Valencia è in un gran momento e chiunque la incrocerà si troverà davanti un gran brutto cliente. Forse non è la squadra più attrezzata, ma ci sarà da sudare. 

CHI SCENDE

VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA

Tornano in campo le Vu Nere, e lo fanno nel peggiore dei modi. La truppa di Scariolo va, di fatto, in gita nel Baden-Württemberg, perché in campo non ci scende mai. Ulm rimane avanti nel punteggio dall’inizio alla fine, toccando anche il +21. Quasi niente ha funzionato nella partita dei bolognesi, in nessuna delle due metà campo. L’indicatore più allarmante è sicuramente quello dei rimbalzi catturati per squadra: i tedeschi mangiano in testa ai lunghi virtussini, chiudendo con un bilancio di ben 47 rimbalzi a 30. Ora la classifica dice quarto posto, con un record di 6-4. La sconfitta di Podgorica permette ai bianconeri di restare a contatto con il podio (ricordiamo poi che la Virtus ha una partita in meno), ma certamente per non perdere di vista le due spagnole servirà limitare questi inciampi.

DOLOMITI ENERGIA TRENTO

Stesso luogo, stesso posto, stesso bar. Trento non vince letteralmente mai. Alla BLM Group Arena arriva Andorra, formazione di tutto rispetto ma che sta attraversando un periodo delicato. Ma niente da fare, per far vincere Trento in Eurocup, quest’anno, forse gli avversari dovrebbero non presentarsi. Gli andorrani rimangono in vantaggio pressoché sempre, e già dal secondo quarto si intravedeva come sarebbe andata a finire. Come sempre. Decima sconfitta in undici partite, ultimo posto blindato. 

EUROCUP – FASE A GIRONI

GRUPPO A:

  1. Joventut Badalona 9
  2. Partizan Belgrado 8
  3. Lokomotiv Kuban 8
  4. MoraBanc Andorra 6 *
  5. Boulogne Metropolitans 92 6
  6. Turk Telekom Ankara 6
  7. Lietkabelis 5
  8. Hamburg Towers 4
  9. Śląsk Wrocław 1 *
  10. Dolomiti Energia Trentino 1

GRUPPO B:

  1. Gran Canaria 8
  2. Valencia Basket 8
  3. Buducnost Voli Podgorica 7
  4. Virtus Segafredo Bologna 6 *
  5. Ratiopharm Ulm 6
  6. Umana Reyer Venezia 4 *
  7. Mincidelice JL Bourg en Bresse 4 
  8. Frutti Extra Bursaspor 3 *
  9. Cedevita Olimpija Lubiana 3
  10. Promitheas Patras 2 *

 

LUIGI AMORI