Il direttore sportivo della Carpegna Prosciutto Pesaro, Stefano Cioppi, fa il punto della situazione sulla preparazione della sua squadra ad Elisabetta Ferri su Il Resto del Carlino- Pesaro: “Abbiamo fatto un enorme lavoro sotto il profilo fisico atletico. Nei primi dieci giorni Repesa ha dato molto spazio al preparatore Venerandi, che si è esaltato insieme ad Eliano Crudelini caricando tantissimo. I ragazzi erano molto stanchi alla fine, com’è giusto che sia. Poi negli ultimi 4-5 giorni si è iniziato a puntare di più sulla pallacanestro e dal ritorno in città il coach ha iniziato a lavorare in maniera profonda sul sistema di gioco. Le sensazioni che mi porto a casa sono quelle di un gruppo di ragazzi molto disponibile, con cui sarà facile entrare in contatto e sintonia per i pesaresi”.

Cioppi punta molto sul creare un bel rapporto di squadra anche fuori dal campo con città e tifosi: “La sera del 31 agosto i giocatori sono entrati nelle case dove vivranno tutto l’anno, cominciando a prendere contatti con la città. Contatti fondamentali secondo me spiega perchè è un grande valore aggiunto andare in campo per difendere i colori di un luogo e di persone con le quali ci si sente legati. Spero che i tifosi entrino in contatto con questi ragazzi e si crei una forte alchimia, non solo in campo ma anche fuori: l’atmosfera è fondamentale per raggiungere risultati. Abbiamo sei italiani, ma sono convinto che sarà facile entrare in confidenza anche con gli stranieri e unirsi in maniera amichevole con loro: sono tutti affabili e hanno voglia di cercare dei rapporti umani”.

L’aggregato Totè resterà per tutta la stagione: “Leo ci aveva dimostrato nella sua prima esperienza che a Pesaro si trovava bene e aveva fiducia nello staff, quando recuperà rapidamente dall’infortunio alla mano. Sono contento di quello che ha fatto finora con il resto del gruppo”.

Infine, un’analisi più tecnica dell’arrivo di Abdur-Rahkman: “È il tipo di giocatore che volevamo. So che colpiscono di più i punti segnati o i rimbalzi, ma con Fabriano non credo che qualcuno abbia contato i suoi assist e l’aggressività difensiva: in ogni seduta Mars ha dimostrato che dal punto di vista difensivo è un giocatore di livello, ti toglie il fiato quando palleggi, ti mette in difficoltà perchè ti costringe a pensare, ti mette il corpo addosso e sarà molto importante per la costruzione della nostra difesa. Inoltre, la maggior parte dei canestri di Chetham, di Moretti e degli altri tiratori nascono dai suoi assist: lui crea gioco per sè in penetrazione ma soprattutto per gli altri. Credo che avremo la possibilità di avere 3-4 play oltre a quelli designati, perchè anche lui potrà portare su palla spostando Moretti e Tambone da guardia, mentre sappiamo già che Delfino è uno dei più bravi passatori della nostra squadra”.

Fonte: legabasket.it