Il capitano della Virtus Bologna campione d’Italia, Giampaolo Ricco, è stato intervistato da Luca Muleo per Il Corriere dello Sport-Stadio.

Queste le sue parole:

“Più passa il tempo e più realizzo quanto importante sia quello che abbiamo fatto, siamo entrati nella storia. Con Pajola nello spogliatoio ci chiedevano se ci fosse un’altra serie, sembrava non dovesse finire mai per quanto abbiamo combattuto.
A 29 anni posso dire di essere orgoglioso delle scelte costate tanti sacrifici, ho dimostrato che il lavoro alla fine paga sempre. Una coppa con Cremona e uno scudetto con la Virtus significa avercela fatta.
In Virtus ho avuto difficoltà, sì, però quando contava ci sono sempre stato. Vedo gli errori, sono molto autocritico, ma se oggi mi guardo allo specchio dico che qualche merito ce l’ho. A chi criticava rispondo che sono il 4 titolare della squadra che ha vinto”.

Il futuro “Mi sento il capitano di questa Virtus e mi piacerebbe continuare ad esserlo”.

La permanenza di Djordjevic “Non entro nelle dinamiche di mercato, dico solo che a Sasha devo tantissimo. Ogni giorno mi ha spinto oltre il limite, ha creduto in me e mi ha fatto essere il 4 titolare di questa squadra incredibile. Per lui avrò gratitudine eterna.”

 

Foto Ciamillo-Castoria