La Virtus Bologna completa una settimana da sogno. Dopo l’incredibile vittoria di giovedì a Madrid arriva il bis. Questa volta è in campionato ed è sul difficile campo di Sassari: al PalaPentassuglia finisce 74-69.
La Segafredo – con Milos Teodosic e Jordan Mickey a riposo e ancora Tornike Shengelia ai box – vince una partita che alla vigilia non era per nulla scontata. È stata una gara che gli uomini di Sergio Scariolo hanno visto anche sfuggirsi di mano in alcuni tratti del primo tempo. Poi però, ancora una volta, arriva un secondo tempo di grande sostanza ed efficienza si porta a casa i 2 punti e rimane imbattuta in Serie A.
Scariolo ha avuto la possibilità di far giocare alcuni giocatori meno utilizzati a Madrid, come Nico Mannion e Marco Belinelli. Il secondo dopo un brutto impatto è stato fondamentale con un quarto quarto di pregevole fattura. Il nativo di San Giovanni in Persiceto fattura 12 punti. Ma il migliore in casa bianconera è Isaia Cordinier. Il francese con 15 punti ha dato seguito a tutte le cose buone viste giovedì contro il Real.
Per Sassari prosegue il percorso tra alti e bassi. Una stagione che deve ancora decollare. Quella di questa sera era una bella occasione di slancio, contro una Virtus provata dalle fatiche europee e fresca della settimana di riposo dalla Basketball Champions League.
Per la squadra di Piero Bucchi arriva un’ottima prestazione di Ousmane Diop da 16 punti. Poi ce ne sono 12 di Jamal Jones e 12 anche di Chinanu Onuaku. 

La cronaca 

Inizio di partita ad altissimo ritmo. Sassari reagisce ai 5 punti iniziali della Virtus con un parziale di 10-0 targato Jones (8 su 10 totali dei suoi): 5-10 dopo 4’.
Poi la Segafredo stringe le maglie difensive e obbliga Sassari a commettere qualche fallo di troppo. Anche grazie alla precisione in lunetta le V Nere tornano in parità sul 12-12. Al termine del primo quarto la Dinamo è avanti 20-18.
Buono l’approccio dei sardi nel secondo quarto. Nikolic e Bendzius regalano al Banco il massimo vantaggio sul +7 (32-25).
All’intervallo i padroni di casa sono avanti 40-32.
L’approccio alla ripresa della Virtus è molto buono, quello di Sassari decisamente meno. La Segafredo allora ne approfitta per ricucire sul -2 (44-42).
Il protagonista è Cordinier. Il francese segna 9 punti consecutivi e porta la Segafredo avanti sul 48-47.
È rottura prolungata della Dinamo, la Virtus chiude il terzo periodo avanti 55-51.
La Virtus gioca con pazienza in attacco, è aggressiva in difesa. Il punteggio rimane basso, ma va a favore dei felsinei che trovano il massimo vantaggio sul +9 (58-67) a 4.40 dalla fine. 
Sassari le prova tutte, la Virtus non la chiude ma ormai il tempo è tiranno: la Segafredo si impone 74-69. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Mam Jaiteh, foto Ciamillo-Castoria