Le parole del coach di Brescia Alessandro Magro dopo il ko in Eurocup contro il Prometey:

“Prima di parlare del basket è importante parlare della guerra, i 30 secondi di silenzio prima della sfida e le squadre hanno dovuto giocare in un altra nazione per colpa della guerra, penso che tutti debbano fare qualcosa per risolvere questo problema. Parlando di basket, penso che abbiamo giocato bene il primo tempo, abbiamo seguito il piano partita, abbiamo protetto il pitturato ed abbiamo fatto un buon lavoro. Nella seconda metà di gara non abbiamo avuto lo stesso livello di concentrazione, abbiamo fatto troppe palle perse e concesso a loro 17 rimbalzi offensivi, è troppo. C’è stato un momento della partita in cui hanno segnato solo con tiri liberi e penso che ECA abbia un problema, perchè è la terza gara in trasferta ed il livello dell’arbitraggio non è minimamente accettabile, quindi non mi lamento con il Prometey, perchè hanno meritato di vincere, ma penso che tutti si lamentino di qualcosa e non abbiamo capito l’arbitraggio della partita e siamo molto delusi da ciò. Non possiamo controllare gli arbitri, ma possiamo controllare le palle perse, la condivisione della palla, la difesa di squadra, quindi noi possiamo solo ripartire da questo. Euroleague discuterà su questo, l’arbitraggio non è stato accettabile”.