La mano ferma di Jerian Grant, con due liberi segnati nella bolgia dello Stadio della Pace e dell’Amicizia a nove secondi dalla fine. Questa, con tutta probabilità, potrebbe essere la giocata chiave della serie di finale del campionato di Grecia che il Panathinakos, dopo due sconfitte nelle prime due gare, è riuscito a pareggiare con due successi consecutivi sull’Olympiacos.

Grazie ad una vittoria esterna obbligata per potere riportare la serie alla OAKA arena, la compagine di coach Ergin Ataman è riuscita non solo ad evitare che i ragazzi allenati da Georgios Bartzokas festeggiassero il titolo dinnanzi al proprio pubblico, ma anche a girare l’inerzia di una finale dove, adesso, tutto si deciderà in una partita secca.

L’Olympiacos nel primo tempo, il Panathinakos nel secondo

Incertezza, strappi, sorprassi e controsorpassi sono stati il leit motiv della quarta gara della serie, con l’Olympiacos, dopo un primo quarto equilibrato, a cercare l’allungo prima della pausa lunga, grazie ad un parziale di 13:3 favorito da una migliore prestazione a rimbalzo e da una solida circolazione di palla.

Nella ripresa, tuttavia, il Panathinakos ha pareggiato il conto con la medesima arma, ossia un dominio sotto le plance ed una solida circolazione di palla a facilitare un controparziale di 0:10 ad inizio terzo quarto, chiuso, poi, con un punteggio in perfetta parità.

Liberi decisivi

Nell’ultimo periodo, il Panathinakos ha tentato a sua volta la fuga, portandosi, grazie a Nunn e Lessort, a sette lunghezze di vantaggio a tre minuti dalla fine. McKissic e Peters, poi, hanno riportato l’Olympiacos a meno due, a due minuti scarsi dalla sirena finale.

Nella girandola dei liberi, infine, la mano di Grant è stata più ferma di quella di Williams-Goss, portando la serie sul 2-2 e, in tal modo, rendendo utile una ‘bella’ che, così come tutte le partite secche in serie di playoff, sfugge ad ogni pronostico.

Tre migliori marcatori per il Panathinakos, cinque giocatori in doppia cifra per l’Olympiacos

Kendrick Nunn con 25 punti, Matthias Lessort con 15 punti e 6 rimbalzi, e Jerian Grant con 15 punti e 4 assist sono stati i migliori marcatori della partita, e dunque del Panathinakos, che ha potuto contare anche su 12 punti da parte di Kostas Sloukas.

Con ben cinque atleti a quota 11 punti, l’Olympiacos ha avuto i suoi atleti maggiormente performanti in Giannoulis Larentzakis con 13 punti, Kostas Papanikolaou con 11 punti e 7 rimbalzi, Nigel Williams-Goss con 11 punti e 4 assist, oltre ad Alec Peters sempre con 11 punti.

Riepilogo della partita seguita

Olympiacos vs. Panathinakos 85:88 – statistiche

Riepilogo delle finali

Panathinakos vs. Olympiacos 84:89

Olympiacos vs. Panathinakos 92:86

Panathinakos vs. Olympiacos 83:76

Olympiacos vs. Panathinakos 85:88

Panathinakos vs. Olympiacos – Venerdì, 14 Giugno

Matteo Cazzulani

Nella foto: Jerian Grant (in maglia verde). Credits: ESAKE