Partita senza storia nella prima semifinale di Eurobasket 2022, dove la Francia anniente la Polonia sul punteggio di. La squadra di Vincent Collet, che ora in finale incontrerà la vincente di Germania-Spagna, trova così un’altra finale, dopo che lo scorso anno era arrivata in finale all’Olimpiade di Tokyo 2020. Partita portata a casa  grazie ad una prova superlativa in fase difensiva dove è stata capace di annullare i migliori realizzatori della squadra polacca, Aj Slaughter non è mai riuscito ad incidere e Ponitka solo a tratti ma mai veramente, come era più volte successo in questo Europeo, lasciando il team polacco ad un misero 32% dal campo (16/50). La Polonia nei primi due quarti è stata limitata ad 18 punti, con nessuno dei due periodi in doppia cifra (9 punti nel primo e 9 nel secondo). Tornano in mente allora le dichiarazioni del coach francese nel pre-gara, che aveva dichiarato che non basta un giocatore per andare avanti in questi eventi e di fatto oggi così è stato, con una prova corale della compagine transalpina incredibile, che soprattutto in fase difensiva non ha concesso nulla ed in attacco è stata perfetta. Il protagonista assoluto di questo successo è sicuramente Guerschon Yabusele, oggi incontenibile per la difesa polacca, come testimoniano i suoi 22 punti, non c’è stato bisogno neanche della miglior versione di Rudy Gobert, che è stato sia positivo in difesa, ma in attacco si è limitato a segnare 6 punti ed a catturare 6 rimbalzi. Ottima prestazione anche di Evan Fournier da 10 punti, Thomas Huertel con 7 e di un Terry Tarpey molto più protagonista rispetto a quanto dicano i suoi 8 punti segnati. Per la Polonia, che domenica giocherà la finale per il terzo/quarto posto, questo è un ko che ricorda per certi versi quello avvenuto nel girone contro la Serbia, dove anche in quel caso non era mai riuscita ad entrare in partita in fase offensiva ed anche in quella difensiva era stata annichilita dall’attacco della squadra di Pesic. Una gara che certifica la crescita di una squadra come quella polacca, capace di compiere l’impresa con la Slovenia, ma che come evidenziato oggi è ancora molto distante dalle big di questa competizione, soprattutto dopo le energie spese ai quarti, che tendono a sovrastarla sia dal punto della fisicità, che dal punto di vista del maggior tasso tecnico e così il risultato appare scontato. Per la Polonia, nessun giocatore in doppia cifra, arrivano 9 punti di Aj Slaughter e 7 di Mateusz Ponitka, ma entrambi ben lontani dalla miglior condizione.

LA CRONACA 

Nel primo quarto parte meglio la Francia, che con una difesa aggressiva e guidata in attacco da Yabusele si porta sul 5-2 dopo tre minuti. La squadra transalpina rimane in controllo della sfida grazie ad un alta intensità in difesa e chiude la prima frazione avanti 15-9. Nel secondo quarto la Francia, complici le difficoltà offensive nei primi minuti della squadra polacca, prova a scappare, ma la squadra di Milicic resiste ed a metà periodo è sul -9 (14-23). La squadra di Collet sale di colpi in fase difensiva e così riesce a scappare ed arriva all’intervallo avanti 34-18. Nel terzo quarto parte ancora meglio la Francia, che guidata da Yabusele e con un’alta intensità in fase difensiva scappa sul 45-23 a metà periodo. L’andamento della sfida non cambia e la squadra transalpina chiude la terza frazione avanti sul +28 (64-36). L’ultimo quarto è solo garbage time e la Francia vince

QUI le statistiche del match

Nell’immagine Guerschon Yabusele, foto Ciamillo-Castoria

Valerio Laurenti